Per Juventus e Roma l'imperativo è: dimenticare

  • Campionato

CALCIO Dimenticare la Champions. Perché c’è un campionato da giocare. Per la Juventus, da vincere: per la Roma, da chiudere con la qualificazione alla prossima Champions. Ecco, appunto: la Coppa dalle Grandi Orecchie che in settimana ha riservato solo delusioni a bianconeri e giallorossi. Bisogna però guardare avanti e non farsi travolgere dalla negatività. Pure perché, nello specifico, ci sono ancora i match di ritorno da onorare: quasi impossibile che salti fuori la sorpresona, ma mai dire mai.

Intanto, domani pomeriggio la Juve sarà a Benevento nel più classico dei testa coda, con i campani reduci dal successo contro il Verona e i campioni d’Italia che hanno nel frattempo riallungato a +4 sul Napoli. Sulla carta, non ci sarà partita. «Vincendo scudetto e coppa Italia, sarebbe comunque un anno molto positivo», ha detto ieri Pjanic a Sky mascherando a stento una delusione evidente, soprattutto perché lo 0-3 casalingo toglie in pratica tutto il pepe al match di mercoledì al Bernabeu. «A Benevento sarà complicato, come già lo è stato contro la Spal», quando la Juve venne appunto fermata sullo 0-0. Il tutto, mentre il Napoli ospiterà (domenica) il Chievo.

Quanto alla Roma, attende la visita di una Fiorentina che ha sempre fatto bottino pieno negli ultimi cinque incontri: per i giallorossi, terzi con un solo punto di margine sull’Inter (di scena a Torino) e tre sulla Lazio, impegno da prendere con le molle. Dimenticando il Barcellona, appunto.

DOMENICO LATAGLIATA

Articoli Correlati

Juventus poco concretaOra l'esame del Milan

Dopo la batosta col Manchester United, il richiamo di Allegri e di Chiellini. E domenica sera il Milan a San Siro

Romagnoli in extremisIl Milan vince ancora

Il Capitano, dopo quella col Genoa, risolve anche la sfida con l'Udinese, al 97'

Il Toro ritrova il Galloed espugna Marassi

Sampdoria battuta nettamente, 4-1, e doppietta di Belotti, finalmente sbloccato. «Il miglior Torino dell'anno»