Superticket dimezzati e più nidi gratis in Lombardia

  • Milano

Il ticket per una Tac in Lombardia passerà da 66 a 51 euro, per una colonscopia da 58  a 51, e così via, grazie al taglio del superticket (ossia la quota regionale che si aggiunge al ticket nazionale di  36 euro) da 30 ad un massimo di 15 euro. Quando? La decisione, annunciata ieri dalla neonata giunta lombarda deve passare al vaglio del consiglio, e tornare in giunta. Quindi non subito cosa che ha spinto le opposizioni a parlare di annuncite, ma Fontana, affiancato dagli assessori al welfare Giulio Gallera e  Stefano Bolognini ai servizi sociali aveva fretta di mostrare ad un mese dalle elezione la piena operatività della squadra e il mantenimento delle promesse elettorali. Come l’altro provvedimento annunciato, 3 milioni investiti per l’ampliamento nel 2018/2019  ad altre 1200 famiglie dell’azzeramento della retta dei nidi  in caso di Isee 2018 sotto i 20mila euro.
Dopo l’incidente di Treviglio la giunta ha deciso di anticipare entro aprile la cabina di regia per la sicurezza sul lavoro: «Nel 2018 sono previsti controlli in 900 imprese in più e 40 nuovi tecnici assunti per le ispezioni grazie agli 8 milioni delle sanzioni» dice Gallera «ma già ora ispezioniamo il 6% delle aziende, il target è il 5».

Solo 5 donne in giunta. Per Fontana numero congruo
«Per me il numero di 5 donne su 16 in giunta è congruo. Se ci sarà una sentenza che dirà che non lo è mi adeguerò, io rispetto la legge». Per Attilio Fontana la sua giunta verdeazzurra e poco rosa va bene così e non teme i ricorsi annunciati da varie associazioni per il riequilibrio di genere. La protesta di una delle escluse, la forzista Silvia Sardone (nella foto) rovina un po’ la festa. «Queste cose ai cittadini non interessano» chiude Fontana. «Silvia è una ragazza intelligente, farebbe un grave errore ad avere fretta, forse per inesperienza» dice il forzista Gallera.

PAOLA RIZZI

Articoli Correlati

Nuovo look nel 2019per i terminal dei bus

Rioqualificazione di San Donato e Lampugnano

Lasciati soliin ospedale

Rifiutati dai parenti, senza risorse: 50 casi monitorati nel registro dei casi sociali. L’Ats: «Una soluzione c’è»