La Roma crolla ma a testa alta

  • Champions League

CALCIO Gli applausi con cui i tifosi romanisti, a Barcellona, hanno comunque ringraziato i loro beniamini sconfitti, la dice lunga sulla partita della Roma. Una partita di equilibrio e coraggio, conclusasi con un punteggio in discreta parte bugiardo: 4-1 e andata dei quarti di Champions dolorosamente archiviata. Che dire del rigore negato a  Dzeko, sullo 0-0, a inizio primo tempo, per uno sgambetto di Semedo che l’arbitro Makkelie, pure in buona posizione, ha incredibilmente ignorato? Episodio che non cancella la superiorità dei catalani, certo, ma che ha pesantemente influenzato la gara. La sfortuna ci ha messo del suo: e lo dimostra l’1-0 dei catalani, al 38’, quando De Rossi, piombando su un tiro di Iniesta nel tentativo di impedire che il pallone arrivasse a Messi, infila Alisson. Nella ripresa, Manolas devia su Umtiti, ed è il 2° autogol. Qui la Roma si disunisce, e Piqué la punisce: 3-0, grazie a una ribattuta in rete di una corta respinta di Alisson su tiro di Suarez. Di Francesco si sbraccia e raddrizza i suoi: Defrel e Perotti fanno tremare Ter Stegen, che deve arrendersi all’80’ a Dzeko. Sul 3-1 si riaccende qualche speranza, che però Suarez chiude: segna il 4-1 definitivo e finisce il suo digiuno in Champions. A fine partita, lo stesso Dzeko, riferendosi al rigore negato: «Il Barça è più forte, si sa. Non ha bisogno di regali. Noi, poi, abbiamo sbagliato molto».

SERGIO RIZZA

Articoli Correlati
Champions League

Valencia-Juve 0-2CR7, rosso ingiusto e lacrime

Al Mestalla 2-0 per i bianconeri. CR7 esce in lacrime per il primo rosso (dubbio) in Champions
Champions League

Real Madrid-Roma 3-0Al Bernabeu non c'è partita

I giallorossi rimediano un ko e devono ringraziare il portiere Olsen se il risultato non è più tondo. Oltre al risultato, una prestazione che non convince
Champions League

Juve di scena a ValenciaStangata su Douglas Costa

Bianconeri in Spagna per la prima europea con un CR7 che scalpita. Il brasiliano invece squalificato per quattro giornate dopo il gestaccio a Di Francesco