Il Real Madrid è troppo La Juve annichilita 0-3

  • Champions League

CALCIO Chi c’era, si è alzato ad applaudire. Giustamente. Perché, dopo avere già segnato il gol dell’1-0 trascorsi appena tre minuti di gioco, Cristiano Ronaldo ha realizzato uno dei gol più belli della storia del calcio. Minuto 19 del secondo tempo, cross di Carvajal dalla destra e rovesciata volante del portoghese in mezzo all’area: palla all’incrocio dei pali, Buffon impietrito e l’intero Stadium in piedi ad applaudire. Una standing ovation più che meritata, perché le immagini e le fotografie del gesto di CR7 rimarranno indelebili nella storia di questo sport. Per la cronaca, Ronaldo ha segnato il 22esimo gol personale nei quarti di Champions, uno in più di quanti ne ha realizzati l’intera Juventus allo stesso punto della manifestazione. Un mostro, ecco. Insieme al quale tutto il Real Madrid ha dimostrato quanta sia la differenza tra sé e la miglior squadra italiana: abissale. Senza temere di esagerare, per di più: perché Isco è pure lui di un altro pianeta, Kroos e Modric non sbagliano un pallone, Ramos e Varane non regalano nulla e via di questo passo. 

La Juve, andata subito sotto (assist di Isco, puntata di CR7), ha provato a fare il suo: Higuain ha sfiorato il pareggio e Navas è stato splendido a negarglielo, ma poi non ha saputo creare chissà quali pericoli alla porta spagnola. Allegri aveva provato a coprire meglio il campo con il 4-4-2, ma davvero a questo livello la tattica conta fino a un certo punto. Decidono i fuoriclasse: Cristiano Ronaldo lo è. Dybala (espulso: prima simulazione, poi fallo a metà campo) no. O, a volere essere ottimisti, non ancora. Poi, dopo il 2-0, la partita non è ovviamente più esistita: Marcelo ha banchettato nell’area bianconera per il 3-0 e lo Stadium non ha potuto fare altro che inchinarsi al cospetto di chi la Champions l’ha già vinta dodici volte. Non a caso.

DOMENICO LATAGLIATA

Articoli Correlati
Champions League

Valencia-Juve 0-2CR7, rosso ingiusto e lacrime

Al Mestalla 2-0 per i bianconeri. CR7 esce in lacrime per il primo rosso (dubbio) in Champions
Champions League

Real Madrid-Roma 3-0Al Bernabeu non c'è partita

I giallorossi rimediano un ko e devono ringraziare il portiere Olsen se il risultato non è più tondo. Oltre al risultato, una prestazione che non convince
Champions League

Juve di scena a ValenciaStangata su Douglas Costa

Bianconeri in Spagna per la prima europea con un CR7 che scalpita. Il brasiliano invece squalificato per quattro giornate dopo il gestaccio a Di Francesco