Salvi i due bimbi che bevvero soda

  • TORINO

TORINO In estate avevano bevuto un sorso di soda caustica, un errore che poteva danneggiarli per tutta la vita. Ora, mesi dopo l’incidente e dopo una serie di interventi eseguiti dai medici della Città della Salute, sono fuori pericolo e possono ricominciare a mangiare e bere normalmente.

È la storia di M., bimba di 4 anni, e di suo fratello G., di 5 anni (nella foto). Dal pronto soccorso di Ivrea erano stati trasferiti all’ospedale infantile “Regina Margherita” a Torino per un’esofago-gastroscopia in urgenza. L’équipe dei gastroenterologi pediatri, guidati dal dottor Pier Luigi Calvo, li ha presi in carico subito e ha diagnosticato a entrambi una grave infiammazione dell’esofago, anche se la bambina aveva la situazione più critica. Per mesi i due fratellini sono stati alimentati in modo artificiale e nel frattempo hanno subito diversi interventi: tra fine 2017 ed inizio 2018, l’équipe del professor Renato Romagnoli ha rimosso la parte malata dell’esofago e ha spostato lo stomaco all’altezza del collo, appena sotto la gola.
Il decorso in Terapia intensiva e in Chirurgia ad alta intensità all’ospedale Regina Margherita è stato senza complicazioni. Martedì l’ultimo controllo ha accertato che i due fratellini stanno bene e possono inghiottire cibo normalmente.

ANDREA GIAMBARTOLOMEI

Articoli Correlati

Appendino: "La movida?Maggioranza è stata responsabile"

Movida e Fase 2 Coronavirus, la sindaca di Torino Appendino: "Maggioranza dei torinesi è stata responsabile"

Il Piemontepronto a chiudere

Cirio: «Servono misure drastiche». Strutture sanitarie al limite. Denunciate 21 persone

Coronavirus, a Torinoè assalto ai supermercati

Sale a 482 il numero dei contagiati, venti fino a ieri le vittime del Covid 19