Greco: Faccio musica che viene dal cuore

  • Marco Greco

MUSICA «Io mi preoccupo di fare una musica sincera che rappresenti la mia vita, il mio gusto e la mia maniera di sentire. Tutto il resto non mi riguarda e onestamente non mi interessa . Non sono io che scelgo il mio pubblico ma il pubblico che sceglie la musica se ne riceve un emozione autentica e su questo rimango concentrato».
Parola di Marco Greco, una delle grandi promesse della nuova musica italiana, in concerto venerdì alle 21 al Parco della Musica. Il cantautore romano, vincitore dell’edizione 2016 del premio De Andrè, sarà in scena con i brani del suo album di debutto, di prossima pubblicazione, che è stato prodotto da Fausto Mesolella, chitarrista degli Avion Travel, scomparso il 30 marzo del 2017. «Fausto – spiega Greco – l’ho incontrato dopo la vittoria al De Andrè, ci siamo piaciuti subito e abbiamo deciso di fare un disco insieme. È diventato il produttore e una sorta di padre artistico, oltre che un grande amico. Gli ho voluto un gran bene e ora mi manca molto».

Fra i suoi estimatori ci sono anche Federico Zampaglione a Paolo Conte. «Federico –racconta – l’ho incontrato a una masterclass di scrittura, è nata subito un'amicizia che ci ha portato a registrare un duetto che sarà nel disco. Con Conte, invece, abbiamo avuto un rapporto epistolare in cui ci confrontavamo sulle mie canzoni e anche lui mi ha dato consigli importanti. Lo andavo a trovare ai suoi concerti, lo aggiornavo sui progetti e lui mi incoraggiava sempre. Un uomo elegante, curioso, un artista unico. La stima di artisti del genere è una cosa bellissima e anche una responsbilità: cercherò di non deluderli».
Infotel. 0680241281.

 

STEFANO MILIONI