Italia di scena a Wembley con gli inglesi si cambia tutto

  • Calcio

CALCIO Il fascino dell’Italia del pallone, nonostante gli ultimi rovesci e l’esclusione dai Mondiali dopo 60 anni, è sempre lo stesso. Almeno oltre Manica: per l’amichevole di stasera contro l’Inghilterra, a Wembley (ore 21), sono stati venduti tutti gli 84.000 biglietti disponibili. Dopo di che, si spera che i ragazzi di Di Biagio riescano a fare bella figura: all’inizio di un nuovo cammino, un’iniezione di fiducia ci vorrebbe. Rispetto al match perso venerdì contro l’Argentina, prevista una rivoluzione quasi totale. Resterà il 4-3-3 di partenza, ma gli interpreti varieranno: Perin dovrebbe essere titolare al posto di Buffon (Donnarumma avrebbe a disposizione un pezzo di ripresa), la coppia di centrali Bonucci-Rugani potrebbe essere confermata ma sugli esterni ci saranno Zappacosta e uno tra DeSciglio e Darmian. Poi, linea verdissima a centrocampo: Gagliardini (1994), Pellegrini (1996) e Cristante (1995) potranno prendersi un pezzo di futuro, visto che Jorginho e Verratti non sono al meglio. Cambiamenti anche davanti, dove dovrebbero esserci Candreva, Insigne (desideroso di riscatto, dopo il clamoroso errore sotto porta contro l’Argentina) e Belotti (o Cutrone). Peraltro, l’Italia non segna da sei mesi (tre partite piene) e l’ultimo gol risale al 9 ottobre, in Albania, autore Candreva. In generale, negli ultimi sette match  gli azzurri hanno segnato appena tre reti: per tornare a vincere, contro chiunque, servirà aggiustare la mira.

DOMENICO LATAGLIATA

Articoli Correlati

Ancora insulti razzistiAncelotti: “Non se ne può più”

Ancelotti è tornato a parlare di insulti razzisti proprio il giorno in cui si è saputo di un nuovo caso, tra gli juniores, nel parmense

Juan Jesus e Perotti koLa Roma è in allarme

La Roma in ansia per Juan Jesus alle prese con una lesione al menisco. Rischio intervento chirurgico. Perotti, nuova ricaduta.

Solo carezze a PaquetàLeo graffia Higuain

Presentato il brasiliano: «Il mio idolo è Kakà». Leonardo chiede al Pipita di darsi una mossa