Contro l'Inghilterra Di Biagio mischia le carte

  • Calcio

CALCIO Domani sera, l’Inghilterra. Per provare a fare qualche passo avanti. L’Italia prima versione di Gigi Di Biagio ha fatto quello che potuto, contro l’Argentina: poco, tutto sommato. Se però Insigne avesse segnato l’1-0, magari la storia sarebbe finita diversamente e anche i giudizi sarebbero stati altri. Resta comunque la sensazione che la colpa non fosse tutta di Ventura: magari non il top degli allenatori, però nemmeno l’ultimo degli sprovveduti. In sostanza: il materiale umano è quello che è, classe e temperamento non si comprano al supermercato così come la leadership. E allora è bastata l’Argentina-due per batterci e farci sprofondare nuovamente nella depressione. Inutile girarci intorno: serve tempo per ricostruire il movimento e servono giocatori che accumulino esperienza internazionale per poter poi sfidare le big. Emblematico, al proposito, il caso di Insigne: spesso travolgente in campionato, quasi mai all’altezza in azzurro. Domani, si vedrà. Con il probabile avvicendamento in porta tra Buffon e Donnarumma, ma non solo. Dovrebbe per esempio toccare a Belotti piazzarsi al centro dell’attacco al posto di Immobile (ma anche Cutrone è al ballottaggio), un altro che segna caterve di gol con la Lazio e che in nazionale si spegne. Forse perché la nostra serie A non è poi così allenante, per usare un termine caro a Capello e non solo. «Tutti noi vogliamo rialzarci, senza pensare ai blocchi mentali o altro  – così Pellegrini - abbiamo purtroppo più tempo rispetto agli altri per lavorare e dovremo sfruttarlo al meglio. Ci siamo stancati di vedere sempre gli altri vincere. Sono convinto che ce la faremo». Purché a ogni partita non (ri)comincino processi e accuse da parte di un ambiente che da mesi vive sull’orlo di una crisi di nervi. Servirebbero invece calma e vera programmazione: coraggio.

Domenico Latagliata

Articoli Correlati

Empoli-Lazio 0-1I biancocelesti soffrono ma passano

Basta un gol di Parolo ai biancocelesti per sbancare il Castellani. Ma i toscani vendono cara La squadra di Inzaghi sale così a quota sei punti in classifica

Ronaldo, è doppiettaLa Juventus già vola

Juventus-Sassuolo 2-1. Per il portoghese prima rete (con doppietta) in bianconero- La squadra di Allegri sempre più padrona del campionato

La Roma non vince piùCon il Chievo solo 2-2

Cinque punti in quattro partite. La Juventus già lontana sette punti. La prima vittoria casalinga che non arriva. Cosa succede ai giallorossi?