L'Italia di Gigi Di Biagio pronta a sfidare Messi

  • Calcio

CALCIO Bisogna accontentarsi. Senza Mondiali, l’Italia avrà tra oggi e martedì la possibilità di misurarsi con due potenze dell’universo pallonaro: stasera l’Argentina di Messi e Higuain (ore 20.45 all’Etihad Stadium, casa del Manchester City, diretta tv su Raiuno), martedì l’Inghilterra. Amichevoli, certo. Utili, comunque. Almeno si spera, nonostante la gestione del ct Gigi Di Biagio sia quasi certamente a tempo. Nessuno però prenderà sottogamba i rispettivi impegni: non potranno farlo gli azzurri, volendo acquisire crediti per quel che sarà, non potranno farlo argentini e inglesi visto che qualcuno si giocherà la possibilità di essere poi convocato per la rassegna iridata della prossima estate. Godiamocela, allora. La sfida a Messi, innanzi tutto. Con Buffon ancora in porta perché sì e con una squadra che ha visto tornare ad allenarsi in gruppo Chiesa e Insigne. Confermato allora il 4-3-3, con Florenzi terzino destro e Spinazzola a sinistra: Rugani pare poi avere vinto il ballottaggio con Ogbonna per fare coppia con Bonucci, mentre il tridente sarà formato da Candreva e Insigne, con Immobile centravanti e Belotti in panchina. Scelta peraltro obbligata, quest’ultima, visto il brutto campionato del centravanti del Toro. Trattandosi di amichevole, nessun azzurro indosserà la maglia numero 13, la preferita di Davide Astori: un omaggio dovuto, sperando che allo stesso seguano anche comportamenti in campo adeguati. Possibilmente non solo limitati all’oggi.

DOMENICO LATAGLIATA

Articoli Correlati

Mourinho da recordBuonuscita da 22 milioni

Oltre 19,6 milioni di sterline per il portoghese e suo staff dopo l'avvicendamento del 18 dicembre sulla panchina dello United

Ronaldo inossidabileguida l'assalto al Frosinone

Stasera alle 20.30 i ciociari faranno visita alla Juventus a Torino: Allegri non risparmierà CR7 in vista dell'Atletico Madrid

Zaniolo il predestinatoPallotta se lo coccola

La doppietta al porto è l'ultimo tassello iniziato con la maglia azzurra e l'esordio in Champions al Santiago Bernabeu. Ma il suo futuro sarà a Roma?