La Veronal danza Siena attraverso i secoli

  • Torino/Danza

TORINO Una delle compagnie più in voga della scena internazionale sceglie di intitolare il proprio spettacolo, “Siena”, con il nome di una delle più belle città italiane. È la compagnia spagnola La Veronal che lo porterà in scena stasera, in data unica, al Teatro Astra con le coreografie di Marcos Morau per la rassegna “Palcoscenico Danza 2018”.

Un omaggio, oltre che ad una città dall’enorme patrimonio storico ed artistico, anche ad una concezione dell’essere umano che affonda le sue radici nel Rinascimento, quel particolare periodo storico in cui l’uomo ha riacquistato piena consapevolezza di se stesso. Tanto che “Siena” sembra essere, dall’inizio alla fine, un viaggio ed una riflessione sul corpo umano.

All’aprirsi del sipario lo spettatore si troverà all’interno della sala di un museo in cui una donna seduta osserva un quadro, la celeberrima “Venere di Urbino”, che, nuda e carnale, sovrasta la scena. Vicino alla porta un uomo in piedi osserva la scena. 

Da qui partirà un esercizio di visione e di contemplazione che riguarderà non solo l’opera d’arte in questione, ma anche la città di Siena e, di riflesso, i corpi umani che l’hanno abitata nei secoli e che ne hanno connesso la sua storia tra passato, presente e futuro. 

Sul palco i danzatori racconteranno il senso della bellezza ispirandosi anche ad altre discipline artistiche tra ui anche il cinema e la letteratura (Info: fondazionetpe.it).

ANTONIO GARBISA

Articoli Correlati

Salia Sanou fa danzare i migranti

Dopodomani in prima il lavoro del coreografo del Burkina Faso “Du Désir d’Horizons”

La passione in danza firmata Sharon Eyal

Per Torinodanza due le coreografie in cartellone: “OCD Love” e “Love Chapter 2”

L’hip hop dal Marocco scende in piazza

Stasera sul palco della Piazzetta Reale la compagnia scelta da Attou e Merzouki