Parlamento al via Trattative serrate

  • Elezioni 2018

Roma Primo giorno ieri per i neodeputati che hanno cominciato a registrarsi, mentre è continuata la trafila anche per i neosenatori. La curiosità è che a causa delle complessità elettorali mancano ancora le proclamazioni ufficiali di decine e decine di eletti, problema che va risolto in fretta, perché venedì si terrà la prima seduta del Parlamento. E quindi ultime trattative a tutto campo per la presidenza delle due Camere con l’obiettivo di eleggere i nuovi vertici istituzionali già entro sabato. Luigi Di Maio rivendica per il M5s la guida di Montecitorio. M5s ha incontrato di nuovo gli altri partiti ieri, e ne è uscita la condivisione che quelle elette dovranno essere personalità di garanzia. Ribadito il no a chi è indagato. Intanto Matteo Salvini ha incontrato Silvio Berlusconi e il clima che si è respirato ad Arcore è stato migliore rispetto ai giorni scorsi. L’orientamento emerso e' stato di marciare compatti e acconsentire anche ad accettare la guida di Palazzo Madama, magari per un esponente di Forza Italia. Il centrodestra -come anche altre forze politiche - oggi dovrebbe definire una rosa di nomi per le presidenze. 
Queste le posizioni di partenza che dovranno confrontarsi anche con l’incognita dei voti segreti. Il leader Cinquestelle DiMaio ha tenuto a chiarire che quella per la guida delle Assemblee «non sarà una partita per il governo». Resta dunque l'idea di procedere con i piedi di piombo, slegando i due tavoli e incassando prima un risultato per poi rivolgersi alla soluzione del rebus governo. Anche per questo Di Maio ha voluto, nuovamente, ringraziare il Capo dello Stato: «Apprezziamo molto che il Quirinale non stia mettendo fretta alle forze politiche». Ma quanto tempo bisognerà attendere per provare a sciogliere il rebus del governo è tutto da vedere. Al Quirinale è tutto pronto per dare l’avvio alle consultazioni, che però si si cercherà di evitare che si incrocino con i giorni di Pasqua.

Articoli Correlati

Si apre il Parlamento La carica dei neoeletti

Gruppi politici in cerca di intese per le presidenze delle Camere e per il successivo governo

L’Europa dopo il voto dà più tempo all’Italia

Dalla Ue tempi più elastici per i documenti economici. M5S e Lega attendono le scelte del Pd

Quella maledizionedei presidenti del Parlamento

La poca fortuna nella Seconda Repubblica dei presidenti di Palazzo Madama e Montecitorio