Pannofino & Co. per il 54° Festival di Siracusa

  • Teatro Greco di Siracusa

TEATRO «Tutti gli spettacoli sono collegati dal tema del potere. A partire dall'Eracle al femminile di Emma Dante, uno spettacolo rovesciato – spiega Roberto Andò, direttore artistico del Festival di Siracusa –. Il comico è il mondo perduto dell'antichità, perché è più difficile ritrovare i codici della comicità di quel tempo. Abbiamo scelto "il populismo" de I Cavalieri di Aristofane e abbiamo chiamato Giampiero Solari perché è il maestro dei grandi comici italiani. E ancora siamo fieri di avere nel nostro Festival il progetto di Andrea Camilleri che interpreterà Tyresia, un personaggio che ritroviamo non solo nell'antichità, ma anche in molti altri spazi e tempi. E il Palamede di Alessandro Baricco, con Valeria Solarino».

Questo e molto altro è il 54° ciclo di Rappresentazioni Classiche di Siracusa, presentato oggi nella sala Squarzina del Teatro Argentina di Roma, alla presenza del direttore artistico, del Commissario Straordinario della Fondazione Inda Pierfrancesco Pinelli, del regista Gianpiero Solari e di Gianfranco Noferi, Vicedirettore di Rai Cultura con cui da questa edizione è stata avviata una importante collaborazione.

Presente per l'occasione anche parte del cast di questa edizione del Festival: tra tutti Francesco Pannofino, il salsicciaio e Roy Paci, che sarà sia compositore che corifeo della versione de I Cavalieri di Solari. E ancora Massimo De Francovich, Roberta Caronia e Danilo Nigrelli, alcuni degli attori presenti in sala e parte del cast di Edipo a Colono di Sofocle, per la regia di Yanis Kokkos.

Sei produzioni, due serate uniche, imperdibili, e il ritorno delle Rane di Aristofane arricchiranno il cartellone del Festival del teatro greco di Siracusa. Il 2018 segnerà la nascita di un vero Festival del teatro antico, di respiro internazionale, al Teatro greco di Siracusa in occasione del 54° ciclo di rappresentazioni classiche.

Il cuore del Festival al Teatro greco di Siracusa sarà costituito dalle due tragedie Edipo a Colono di Sofocle, con la regia di Yannis Kokkos ed Eracle di Euripide diretto da Emma Dante, e dalla commedia ‘I Cavalieri’ con la regia di Giampiero Solari. Le due tragedie saranno in scena a giorni alterni dal 10 maggio al 24 giugno mentre la commedia è in programma dal 29 giugno all’8 luglio.  Filo rosso alle tre nuove produzioni sarà una riflessione su “la scena del potere”: un tema universale e attualissimo, presente nei titoli scelti per questa nuova edizione del festival.

La musica avrà un ruolo centrale, fino a prendere corpo all'interno dello spazio scenico del Teatro greco. Roy Paci, eclettico musicista e trombettista sarà per la prima volta sul palco del Teatro greco della “sua Siracusa” come compositore delle musiche di scena de 'I Cavalieri’ e nei panni del Corifeo nell’inedito ruolo di attore.
A firmare le musiche dell'opera della Dante, Eracle sarà la cantautrice palermitana Serena Ganci, da diversi anni al fianco della regista. Per l'occasione attraverserà il Teatro greco alla guida del coro dell'anziano popolo di Tebe.
Le musiche di 'Edipo a Colono' saranno invece composte dal musicista greco Alexandros Markeas, compositore contemporaneo franco-greco. Sarà lui ha creare un tessuto fatto di suoni ed effetti sonori che scandiranno il testo di Sofocle.

 

METRO