Ciclone Raiola sull'Italia Attacco frontale a Di Biagio

  • Calcio

CALCIO Nel disastrato mondo pallonaro che ci meritiamo, il buon Raiola sguazza. Così ieri, il procuratore detestato dai presidenti di mezzo mondo ha detto la sua su Balotelli e Donnarumma. Due suoi assistiti, ci mancherebbe: «Per portare Balotelli in Nazionale ci vuole carattere, non lo aveva Ventura e non lo ha Di Biagio» ha sbottato a Radio 24, «decisione dello spogliatoio? Se fosse così, lo dicano. La Nazionale dovrebbe essere rappresentata dai migliori, ma i migliori non vengono presi in considerazione. In Italia pensiamo a cambiare solo il ct: dovremmo avere un direttore sportivo». In alto i calici, allora. Con ulteriori pensieri degni di nota. «Ormai abbiamo capito che Buffon vuole arrivare agli Europei. Lo rispetto, ma volevo Donnarumma in porta. Chi sarà il portiere del Milan la prossima stagione? Spero Reina». Il che, per lui, significherebbe avere portato Donnarumma altrove, con ricche commissioni e percentuali.

Intanto, questi sono anche i giorni di Patrick Cutrone, vicino all’esordio azzurro e al rinnovo con il Milan fino al 2023. Da ragazzino (classe 1998) sconosciuto fino all’estate scorsa, agli attuali 15 gol in 38 presenze ufficiali con i rossoneri: «Mi godo tutto. Vedrò Messi da vicino, anche: finora è stato solo un personaggio della playstation». Perché, in effetti, il calcio sa anche essere bello.

DOMENICO LATAGLIATA

Articoli Correlati

La Juve è campioneOttavo titolo consecutivo

La Juventus ha vinto lo scudetto battendo la Fiorentina 2-1 a Torino

Milan, grinta Cutroneper la volata in Europa

«Crediamo alla Champions»: l'attaccante rossonero, alla vigilia della gara contro il Parma, avverte tutti: «faremo di tutto per tornarci»

Adesso la Juve vuole la festa scudetto

Basta un punto per vincere lo scudetto, l’ottavo di fila. I bianconeri allo Stadium si troveranno di fronte la Fiorentina dopo la delusione Champions