Sangiorgi: Siamo in astinenza da live

  • Negramaro

MUSICA «Eravamo davvero in astinenza, non siamo riusciti ad aspettare l’avvio del tour». E così, a sorpresa, il 50% dei Negramaro è salito sul palco del Santeria Social Club a Milano. Giuliano Sangiorgi alla chitarra, Lele al basso e Andro alle tastiere hanno regalato alcune  chicche dell’ultimo album “Amore che torni” e alcuni  classici del loro passato nel contest “Negramaro Night” by Dacia.

Sangiorgi, non ce la fate proprio ad aspettare....
No, abbiamo bisogno dei live anche se, in casi come questo, ho avuto veramente il timore di aver detto cazzate e appena sceso dal palco ho chiesto scusa a Lele e Andro.

Addirittura?
Trovarsi all’improvviso davanti a gente che balla sui tuoi brani e che li canta con te in uno spazio così intimo come quello di un club è un’emozione fortissima.

Fra poco partirà il tour nei grandi stadi. Sarà meno emozionante?
Assolutamente no, ma trovarsi a sorpresa in una realtà che è poi quella da cui abbiamo iniziato è veramente una botta al cuore.

Avete già deciso la scaletta di “Amore che torni Tour”?
Per farlo facciamo a botte.

Sangiorgi, lei non mi è serio. Lele?
Posso dire che ci sono alcuni brani che si fanno strada da soli. A prescindere dalle botte.

Andro, mi aiuti lei per favore.
Stiamo iniziando ora a lavorare sulla scaletta e ci siamo resi conto di quanto per nostra fortuna è difficile scegliere.  Questi live dovranno essere grandi feste: ci saranno ovviamente i brani nuovi e ci saranno anche quelli più classici su cui la gente ancora balla e canta.

Grazie, Andro anche se non mi ha rivelato nulla. Riprovo: c’è un brano che dovete cantare per forza?
No, siamo molto tentati di fare tutto, soprattutto i pezzi nuovi, ma la reazione del pubblico sui classici ci travolge tanto che li rifaremmo milioni di volte.

Quali sono i vostri “classici”, quelli che ascoltate in viaggio, per esempio?
Lele  “Sì, viaggiare”, Lucio Battisti
Andro Trentemøller
Sangiorgi “Com’è profondo il mare” Lucio Dalla, le ballade dei Doors e U2.

 

PATRIZIA PERTUSO

Articoli Correlati

Chitarrista dei Negramaroricoverato in rianimazione

Emanuele “Lele” Spedicato ha accusato un malore mentre era da solo nella sua casa in Salento

I Negramaro da San Siro «Liberate il cervello»

Dopo dieci anni concerto a San Siro, poi sabato a Roma

Sangiorgi & Co. contro il cyberbullismo

I Negramaro regalano un live gratuito a Milano e parlano del rischio del rischio in rete