The Sims, se la vita si simula sullo smartphone

  • VIDEOGAMES

Lanciato nel 2000, sviluppato da Maxis e distribuito da Electronic Arts, The Sims è uno dei videogame di maggior successo della storia. Specialmente per quanto riguarda le vicende dei titoli per pc, quando ancora le console non avevano cannibalizzato il settore. Le copie vendute sono state ben 175 milioni fra i quattro capitoli della saga – l’ultimo è uscito nel 2014 – oltre alle numerose espansioni. Difficile, dunque, non sapere di cosa stiamo parlando. Per chi, tuttavia, non abbia mai “gestito” la vita di un Sim basti dire che si tratta di un gioco (da tempo disponibile per tutte le piattaforme, comprese PlayStation 4 e Xbox One X) che consente di accompagnare la crescita di un’intera società personalizzando un personaggio e soprattutto facendolo interagire con gli altri, arredando la sua casa, modulandone desideri e stranezze. Insomma, dal look alla carriera, dagli amori alla cultura, The Sims consente di simulare la vita reale e le relazioni. Dopo una lunga attesa il gioco ideato quasi vent’anni fa da Will Wright è da poco arrivato sugli smartphone con una versione mobile per Android e iPhone. The Sims Mobile, questo il nome dell’app, segue a grandi linee i punti-chiave dei giochi originali, ovviamente con un’esperienza asciugata e con i comandi rivisti per adattarsi alla mobilità. Non c’è da pagare per scaricare il gioco, anche se si possono effettuare degli acquisti interni all’applicazione: si comincia impostando il proprio Sim, dall’aspetto agli accessori, per poi arredare l’abitazione, mandarlo al lavoro, farlo muovere e leggere, farlo flirtare ai party e così via. «Per The Sims Mobile abbiamo migliorato fortemente la fedeltà e la qualità dei personaggi e degli ambienti in cui si muovono – ha spiegato Brandon Gill, direttore creativo di EA – creare personalità uniche, disegnare della casa dei propri sogni e intraprendere carriere elettrizzanti sono da sempre le azioni alla base del gioco».

SIMONE COSIMI

 

Ellybee

Un metodo educativo che usa la realtà aumentata per l’insegnamento dell’inglese ai bambini in età prescolare. Oltre a leggere i libri illustrati i piccoli possono vedere e ascoltare la voce dell’ape Elly tramite smartphone o tablet grazie alla realtà aumentata. Basta scaricare l’app di Ellybee dove l’ape diventa assistente virtuale, attivata dai marker del libro, e aiuta bambini, genitori o insegnanti a pronunciare le parole in modo corretto. Per iOS e Android.

 

Yi Discovery 4K

Le action cam sono belle ma costano tanto. Yi Technology ha appena lanciato anche in Italia un modello economico buono per tutti. Forse deluderà gli appassionati ma andrà più che bene per i “ragionevoli”. Registra in 4K a 20fps oppure a 1.080p a 60 fps, monta un sensore Sony Imx179 da 16 Mpixel e un obiettivo grandangolare da 150 gradi. Schermo touch da 2 pollici, connettività Wi-Fi, custodia stagna a parte. Costa 79,99 euro.

 

Whatsapp

Più tempo per tornare sui propri passi. Dallo scorso autunno è possibile cancellare i messaggi inviati per errore (o con troppa impulsività, senza pensarci bene) su WhatsApp. Ma lo si doveva fare entro 7 minuti dall’invio. Un aggiornamento dell’applicazione per Android, probabilmente in arrivo anche per iOS, consente adesso di pentirsi in un’ora. I secondi disponibili per cancellare salgono a 4.096, cioè 68 minuti e 16 secondi. Sempre a patto che il destinatario non abbia già visualizzato.

 

Articoli Correlati

Switch, consoleper la mobilità

Nintendo sul mercato con un catalogo di 61 titoli, fra cui Super Mario Odissey