Sulle Olimpiadi lettera rinviata

  • TORINO OLIMPIADI

TORINO La manifestazione di interesse per le Olimpiadi invernali 2026 può aspettare. La sindaca di Torino Chiara Appendino ha deciso di non inviare al Comitato olimpico internazionale la lettera nella giornata di ieri, come annunciato. Lo farà forse dopo lunedì, quando il consiglio comunale tornerà a valutare la mozione presentata dal Pd.

Una mozione è invece stata approvata ieri all’unanimità dal consiglio metropolitano, che raggruppa sindaci e consiglieri dei comuni della provincia. L’esito è arrivato dopo una lunga mediazione. C’erano due mozioni diverse, una firmata dai consiglieri del centrosinistra e del centrodestra e un’altra del M5s. Poi i capigruppo si sono accordati su un documento più scarno da cui sono esclusi i riferimenti (voluti dai grillini) ai debiti della Città di Torino  e alle opere abbandonate dall’edizione del 2006. Altri, invece, vogliono ripartire dagli aspetti positivi di quei giorni, come ha ricordato ieri il consigliere dei Moderati Silvio Magliano esponendo la bandiera coi cinque cerchi (nella foto). La sindaca ha gettato acqua sul fuoco: «Dobbiamo manifestare interesse, verificare se ci sono le condizioni e provare a costruire un modello sostenibile dal punto di vista ambientale ed economico», ha detto nel suo primo intervento pubblico sul tema.

ANDREA GIAMBARTOLOMEI

 

Articoli Correlati
TORINO OLIMPIADI

Pronto il pianoper le Olimpiadi

La sindaca Appendino: «Coinvolgeremo anche l’Anac»