Lazio beffata dal palo 2-2- con la Dinamo Kiev

  • Europa League

CALCIO Dopo un primo tempo mediocre, chiuso in bianco, è successo tutto nella ripresa. Una vera girandola di emozioni: la Dinamo Kiev in vantaggio con Tsygankov al 7’, il gran pareggio di Immobile soltanto 1’ dopo, il vantaggio biancoceleste con Felipe Anderson al 16’, il 2-2 degli ospiti con un funambolico tiro tagliato del brasiliano Moraes al 33’ e infine, ciliegina sulla torta, il palo di Immobile al 95’. In sintesi: l’andata degli ottavi di finale di Europa League finisce 2-2, il che significa che al ritorno, giovedì 15, la Lazio dovrà fare come la Juventus con il Tottenham. Ovvero: vincere, o pareggiare segnando almeno tre gol. Non impossibile, vedendo i valori che ieri sera la squadre hanno messo in campo, ma non certo comodo. Anderson, ai microfoni del dopo-partita, ha parlato chiaro: «Abbiamo lasciato troppi spazi...Non dobbiamo sottovalutare questo pareggio. Loro sono una buona squadra. Dobbiamo lavorare e portare a casa la qualificazione».

Le altre partite di ieri sera: Lipsia-Zenit San Pietroburgo 2-1, Atletico Madrid-Lokomotiv Mosca 3-0, Cska Mosca-Lione 0-1, Marsiglia-Athletic Bilbao 3-1, Sporting Lisbona-Viktoria Plzen 2-0, Borussia Dortmund-Salisburgo 1-2.

METRO

Articoli Correlati

Siviglia-Lazio 2-0Biancocelesti, addio all'Europa

Si conclude nei sedicesimi l’avventura della Lazio in Europa League. Al Sánchez Pizjuán decindono Ben Yedder e Sarabia

Lazio-Siviglia 0-1Raffica di infortuni per Inzaghi

Basta un gol di Ben Yedder nel primo tempo agli spagnoli. I biancocelesti, pieni di assenti, hanno perso durante la gara pure Luis Alberto, Parolo e Bastos

Rapid Vienna-Inter 0-1Lautaro cancella Icardi

I nerazzurri senza Icardi passano 1-0 a Vienna. Segna su rigore il “toro”, bomber di scorta