L’Africa della Naru “sposa” l’elettronica

  • Roma/Musica

ROMA «Scrivo per riempire un vuoto che andava riempito: l'accesso alle voci femminili è stato sempre estremamente limitato nel mondo dell'hip hop”. Parole di Akua Naru, vera e propria diva della nuova scena nu soul, hip hop e slam poetry, protagonista del terzo appuntamento di “Voodoo Lounge”, in programma domani alle 22 a Largo Venue. 

Fulcro portante della rassegna - che ha già ospitato i concerti di Alsarah & The Nubatones, Ibaaku e Mop Mop - è il connubio fra strumenti tradizionali della cultura africana e le nuove tendenze in ambito di musica elettronica, una relazione che caratterizza fortemente il lavoro di Aqua, originaria di New Haven, nel Connecticut.

Il suo viaggio verso lo status di poetessa è iniziato nel corso del suo primo apprendistato nella chiesa pentacostale e ben presto il suo lirismo, il talento per la narrazione e la capacità di integrare parole e musica hanno catturato l'attenzione di studiosi e attivisti in tutto il mondo. 

La sua intenzione - in un mondo in cui, a causa del retaggio della schiavitù, l'essere nera e donna ha sempre significato sfruttamento ed emarginazione - è di «fornire un corpo di conoscenze» che metta le donne nere al centro della sua indagine. 

Al tema della maternità e del patrimonio africano è dedicato il suo terzo lavoro discografico “The Blackest Joy“, in uscita a metà aprile. Nell'album, ancora una volta, la Naru fonde con grande originalità i generi- hip hop, jazz e soul- nel solco della tradizione della musica nera.

STEFANO MILIONI

Articoli Correlati

Ghali in concertotra musica e teatro

Domani sarà sul palco del Palalottomatica

Buongiorno Italia, arriva il trap di Jesto

Stasera salirà sul palco dell’Orion di Ciampino

L'opera di Bernstein apre Nuova Consonanza

“Trouble in Tahiti” inaugura domenica alle 19 la 55esima edizione del festival al Palladium