Italiaonline sindaca in piazza

  • Torino Lavoro

TORINO «L’invito che vi faccio come Città è di continuare a lottare ogni giorno. Anche la Città non accetta che questa sede chiuda e non vuole accettare che così tante persone con le proprie famiglie perdano un diritto che è quello al lavoro». Così la sindaca di Torino Chiara Appendino si è rivolta ieri ai lavoratori di Italiaonline, riuniti in presidio davanti alla sede cittadina dell’azienda, dopo l’annuncio del piano di ristrutturazione che prevede 400 esuberi in tutta Italia e  la chiusura della sede torinese.

«Non abbiate paura di farvi sentire - ha aggiunto Appendino - anche la Città non ha paura di farsi sentire. Siamo una comunità e come comunità lottiamo tutti insieme. Noi saremo al vostro fianco cercheremo di far sentire la vostra voce il più possibile, ma voi continuate a lottare. Se ci facciamo sentire tutti insieme facciamo la differenza». Con la sindaca  ieri c’era anche l’assessora regionale al lavoro Gianna Pentenero, che ha detto: «La preoccupazione è forte, ma i lavoratori non sono soli».

Martedì prossimo i dipendenti della sede torinese di Italiaonline saranno  ricevuti in Consiglio regionale del Piemonte, poi la Regione sarà presente il 16 marzo al tavolo convocato al Ministero dello Sviluppo economico a Roma.

Articoli Correlati

Nuovi investitoriper la Embraco

Rigenerazione green per l’azienda. Oggi un altro vertice

Embraco, esuberirinviati al 2019

Spostati alla fine dell’anno 497 licenziamenti collettivi

Regione e Comunepressing su Fca

Piano industriale, chiesto un incontro con Marchionne