Una svolta firmata Juve

  • Campionato

CALCIO – Il ribaltone c’è stato. E adesso è la Juventus ad avere in mano il pallino del gioco. Perché vincere a Roma contro la Lazio non era scontato e, infatti, fino a quindici secondi dal termine, la Signora si era incartata contro la truppa di Inzaghi: quando poi Dybala ha pescato il jolly, il campionato ha improvvisamente preso un’altra piega. Di lì a poco, il Napoli sarebbe andato incontro alla debacle casalinga contro il Roma e la corsa verso il titolo ha cambiato faccia: prima era il Vesuvio a poter perdere lo scudetto, adesso tocca alla Mole. Nel senso che i bianconeri, con una partita in meno (quella da recuperare contro l’Atalanta), sono risaliti a meno uno e, insomma, possono oggi immaginarsi davanti a tutti. Certo, non è tutto oro quel che luccica: il gioco espresso da Buffon e compagni non è stato granché nemmeno all’Olimpico (bruttino, per non dire brutto), ma la difesa ha retto una volta di più (15 gol presi in 26 partite: zero nelle ultime sette) e nel frattempo è tornato Dybala. La cui assenza era passata quasi inosservata, ma il cui ritorno potrebbe spostare futuri equilibri. Pure in Champions, dove la Juve mercoledì sarà chiamata all’impresa di ribaltare a Londra il 2-2 casalingo contro il Tottenham.
Per il campionato, invece, diventa sulla carta ancor più decisivo lo scontro diretto del 22 aprile contro il Napoli. Allo Stadium, per di più: «Restiamo tranquilli, è stata solo una serata sfortunata», ha recitato Sarri. Il quale adesso dovrà riuscire nell’impresa di non fare cadere in depressione un ambiente di solito parecchio umorale. Intanto, si è recuperato Milik: verrà buono anche lui, nella lunga volata tricolore.

 

DOMENICO LATAGLIATA

Articoli Correlati

Juventus poco concretaOra l'esame del Milan

Dopo la batosta col Manchester United, il richiamo di Allegri e di Chiellini. E domenica sera il Milan a San Siro

Romagnoli in extremisIl Milan vince ancora

Il Capitano, dopo quella col Genoa, risolve anche la sfida con l'Udinese, al 97'

Il Toro ritrova il Galloed espugna Marassi

Sampdoria battuta nettamente, 4-1, e doppietta di Belotti, finalmente sbloccato. «Il miglior Torino dell'anno»