Galaxy S9 reinventa la fotografia mobile

  • smartphone

Un dispositivo, anzi due, esagerato. Samsung si è presa la scena al Mobile World Congress, la grande fiera della telefonia appena conclusa nel capoluogo catalano, presentando il Galaxy S9 e la sua versione con display da 6,2 pollici nel corso di un evento monumentale alla Fira Montjuïc. In entrambi i casi lo schermo è un avvolgente pannello Infinity Display Quad Hd+ Super Amoled curvo, con cornici sottilissime. Nel cuore si nasconde un processore Exynos 9810, octa-core che raggiunge i 2,7GHz, abbinato a 4GB di Ram per l’S9 e a 6 per il fratello maggiore. Al netto degli elementi estetici e di memoria (i 64 GB di memoria espandibili fino a 400, le batteria da 3.000 e 3.500 mAh, i colori midnight black, coral blue e l’inedito lilac purple) la svolta dei nuovi telefoni sta tutta nel comparto fotografico. I sensori Super Speed Dual Pixel (da 12 Mpixel sull’S9, doppio da 12 Mpixel sul Plus, il frontale è da 8) consentono anzitutto di girare video in super slow-motion a 960 frame al secondo, di arricchirli con la musica o creare gif. Oppure di scattare foto nitide in ogni situazione: come l’iride dell’occhio umano si espande e si contrae, l’obiettivo a doppia apertura focale (f1.5-f2.4) di cui sono equipaggiati i nuovi top di gamma sudcoreani lascia passare automaticamente più luce quando l’ambiente è buio e meno quando è troppo luminoso. In terza battuta spazio al divertimento con My Emoji, il sistema per creare avatar tridimensionali con aspetto, suoni e comportamenti del tutto simili a quelli degli utenti da usare come una qualsiasi emoji. Infine Bixby, l’assistente virtuale che sfrutta la realtà aumentata e il deep learning, fornisce suggerimenti sui luoghi in cui ci troviamo, gli oggetti in cui ci imbattiamo, traduzioni a lingue straniere e calorie dei cibi. Completano il gioiello asiatico gli altoparlanti stereo sviluppati con Akg, la tecnologia Dolby Atmos e, per chi è sempre in movimento, il nuovo Samsung DeX, un dock per trasformare il telefono in un pc. S9 ed S9+ saranno disponibili dal 16 marzo rispettivamente a 899 e 999 euro. Chi lo prenoterà entro il 15 potrà farsi supervalutare il proprio usato fino a 450 euro di contributo.

SIMONE COSIMI

 

Matebook X Pro

In attesa di svelare il nuovo P20 a Parigi il mese prossimo, Huawei ha lanciato al Mwc un pc Windows ultraslim da 13,9 pollici. Display 3K FullView Touc, processore Intel i5/i7 di 8° generazione e scheda grafica Nvidia GeForce Mx150. Pesa 1,3 chili e arriva in space grey e mystic silver con Dolby Atmos Sound. Lettore di impronte sul pulsante d’accensione e webcam “pop-up” a scomparsa. Da 1.499 a 1.899 euro.

 

Nokia 8110

Dopo il successo del 3310, Hmd Global – che ha lanciato una serie di nuovi smartphone Nokia, dall’8 Sirocco al low-cost 1 – resuscita un’altra icona del passato: lo “slider phone” 8110, quello del film Matrix. Ora è un 4G in nero e banana yellow con meccaniche tattili intuitive, app di base come Google Assistant, Ricerche, Maps, Facebook e Twitter, email. C’è Snake, cosa 89 euro, arriva a maggio.

 

Alcatel 5

I cinesi di Tcl lanciano una rivoluzione per i loro smartphone targati Alcatel. Tre nuove serie (5, 3 ed 1) con prezzi superconcorrenziali e design rivisitato. Tutti con display Full View 18:9, spicca senz’altro la serie 5: schermo HD+ da 5,7 pollici senza bordi, doppia fotocamera frontale (13 + 5 Mpixel) e Face key, cioè il riconoscimento facciale. Completano le caratteristiche 3GB di Ram, 32 di memoria, batteria da 3.000mAh. Costa 229 euro.

Articoli Correlati

Un robottino lightper gli smartphone basic

Android Go, l’esordio del sistema alleggerito su telefoni economici

OnePlus 5T, top di gammaalla metà del prezzo

La prova del nuovo smartphone dei cinesi

Ecco Mate 10smartphone intelligente

Huawei all’attacco di iPhone X e Note 8 con un phablet delle meraviglie