Al via “Percorsi Jazz” con Damiani e Doctor 3

  • Roma/Musica

ROMA Sarà il doppio concerto di Paolo Damiani e Doctor 3 a inaugurare domenica alle 18 nella Sala Accademica del Conservatorio di Santa Cecilia l'edizione 2018 di “Percorsi Jazz”.

Anche quest'anno il festival, giunto alla XII edizione, si propone di esplorare nuovi territori o sviluppare progetti già esistenti, con la partecipazione e interazione di artisti di fama mondiale, studenti di musica e pubblico.

Ideato e sviluppato in seno al Dipartimento di Jazz, Musiche Improvvisate e Audiotattili del Conservatorio di Santa Cecilia, il festival si avvale della direzione artistica di Paolo Damiani e Danilo Rea e vedrà salire sul palco, insieme a musicisti di fama, alcuni dei più validi studenti del Dipartimento.

Sarà proprio Paolo Damiani, già direttore dell'Orchestra Nazionale Francese di Jazz, ad aprire domenica “Percorsi Jazz” con “Percorsi Luterani”, un progetto su testi di Pier Paolo Pasolini e Martin Lutero

Seguirà un concerto dei Doctor 3, storico trio del jazz italiano, composto dal pianista Danilo Rea, dal contrabbassista Enzo Pietropaoli e dal batterista Fabrizio Sferra.

Il prossimo appuntamento, in programma l'11 marzo avrà invece per protagonisti Rosario Giuliani/Dado Moroni duo e la band di Stefano Cantarano, mentre il 18 sarà la volta di Cinzia Gizzi Ensemble e Fabio Zeppetella Chansons.

Sul palco, fra la fine di marzo e aprile, saliranno, fra gli altri, Ettore Fioravanti, Enrico Intra e Santa Cecilia Big Band.

Chiusura il 22 aprile con Bear Trip e Carla Marcotulli Vocal Workshop. Info: 0645550854.

STEFANO MILIONI

 

Articoli Correlati

Il Palalottomatica fa il pieno di musica

Calcutta inaugura i live del 2019 il 5 febbraio. Seguiranno, fra gli altri, Emma, Negramaro e Fedez

«Lavorare con Chico è un gran regalo»

Susanna Stivali presenta il cd “Caro Chico” per il quale ha collaborato e cantato con Buarque

Venditti torna sotto il segno dei pesci

Venerdì e sabato al Palalottomatica i due concerti speciali del cantautore per i 40 anni del suo album