Lazio-Milan Una finale per due

  • Coppa Italia

CALCIO Lazio-Milan, atto secondo. Dopo lo 0-0 di San Siro stasera alle 20.45 all’Olimpico andrà in scena la seconda semifinale di Coppa Italia (l’altra sarà Juventus-Atalanta, alle 17.30, diretta Rai Uno). Sul prato dello stadio romano si scontreranno le ambizioni di due tra le squadre più in forma, ma anche quelle di due  allenatori  tra i più giovani ed agguerriti: Rino Gattuso e Simone Inzaghi.
Lazio, forze fresche
La Lazio rispetto alla gara contro il Sassuolo cambierà cinque giocatori, mettendo così in campo una squadra per metà riposata. Davanti al portiere Strakosha Caceres, de Vrij e Radu, centrocampo con Marusic sulla destra,  Parolo, Lucas Leiva, Milinkovic e Lulic, attacco con Immobile e Luis Alberto. «Siamo a 90 minuti dalla finale e vogliamo  giocarci le nostre carte nel migliore dei modi», ha detto l’ambizioso Simone Inzaghi (che eventualmente raggiungerebbe la terza finale in due anni).
Ballottaggio al  Milan
       Peccato che questi siano anche i piani di Ringhio Gattuso, già fuori dalla grazia di Dio per aver dovuto lavorare nella palestra dell’albergo a causa della neve «che qui non si vedeva da anni». Gattuso pensa al ballottaggio Cutrone-Kalinic: il primo è favorito ma Kalinic ha convinto  contro la Roma, così che il  numero 63 potrebbe  riposare in vista del derby. Il tecnico rossonero: «servirà la partita perfetta». La vittoria con la Roma è importante, ma ora bisogna «alzare ancora l’asticella».

Articoli Correlati

Juventus-MilanTim Cup 2018: l'ora della verità

Stasera (ore 21) Juventus-Milan all’Olimpico. Bianconeri in cerca della quarta Tim Cup di fila

In finale ci va il MilanLazio ko ai rigori

Dopo una partita giocata a grande ritmo i rossoneri vincono al termine di una estenuante sfida ai rigori. Quattordici tiri. Errore fatale di Luis Alberto

Juventus-Atalanta 1-0ed ora l'assalto alla Coppa

I bianconeri arrivano in finale per la quarta volta in quattro stagioni: contro la Dea, dopo la vittoria di misura a Bergamo, decide un rigore di Pjanic