Fontana: «Trenord dovrà essere consolidata»

  • Milano

La Lombardia ha 350 mila pendolari: quali sono le sue proposte per migliorare la loro vita quotidiana?
Crediamo nel consolidamento e nella crescita di Trenord e vogliamo rafforzare la governance regionale: se necessario lo faremo acquisendo la maggioranza della società. Crediamo anche nei processi di integrazione del servizio (Atm-Trenord, Sea-Sacbo) e lavoreremo con il Comune per prolungare le linee metropolitane.
Inquinamento, quale la sua ricetta? Blocco dei diesel o no?
Sui diesel la Lombardia ha già sottoscritto nel 2017 un accordo di bacino padano in quanto il problema è sovraregionale: l’obiettivo è la graduale dismissione del parco circolante più inquinante insieme a incentivi alla rottomazione e all’ acquisto di mezzi elettrici. Poi vogliamo dare il buon esempio: sostituiremo il parco auto regionale con auto elettriche, con colonnine di ricarica nei parcheggi regionali.
Cosa pensa della riforma sanitaria sulla cronicità che tanto fa discutere?
La sanità lombarda è e resterà la migliore d’Italia e tra le migliori d’Europa. La riforma ha bisogno di tempo: una volta in vigore anche la parte sulle cronicità darà risultati positivi.
Per le giovani coppie e per gli studenti cosa propone?
La misura dei nidi gratis ha già aiutato migliaia di famiglie: andremo avanti. In più pensiamo a stanziare fondi per affitti calmierati o voucher, oltre a instaurare un dialogo operativo col sistema bancario per rendere più accessibili e vantaggiosi i mutui. Poi puntiamo sul modello dell’alternanza scuola-lavoro, un modo concreto per avviare i giovani verso l’indipendenza economica.
Quali sono le sue proposte su Aler?
Aler dovrà rispondere alle esigenze dei nostri cittadini e non solo di chi è sul territorio da pochi anni. Andremo avanti con manutenzioni e installazione di video sorveglianza.  Poi mi piacerebbe azzerare nei primi due anni di attività il canone per le associazioni di volontariato e per i giovani impegnati in start up nell’ambito del commercio, dell’artigianato o nuove imprese.
In Lombardia i richiedenti asilo sono circa 24 mila, come affrontare il problema?
La Lombardia con 1,1 milioni di stranieri già presenti e integrati è un modello. Ospitiamo il 26% di tutti gli stranieri italiani e purtroppo anche 100.000 clandestini. Non c’è più spazio per nuovi irregolari. Chi ha bisogno di protezione l’avrà, gli altri dovranno essere allontanati. Val la pena ricordare che questa emergenza è causata dall’incapacità di gestione da parte dei Governi Renzi-Letta-Gentiloni.
ANDREA SPARACIARI

Chi è Attilio Fontana
Avvocato varesino, 65 anni, Attilio Fontana fino al 16 gennaio 2018 era noto per essere il volto amichevole e garbato della Lega, poi gli è scappata quella difesa della razza bianca, di cui si è un po’ pentito ma non troppo, visto la popolarità che gli ha regalato nella corsa per il Pirellone come candidato del centro destra (Forza Italia, Lega, Fratelli d'Italia, Energie per La Lombardia – Parisi con Fontana) . Una corsa in salita partita a sorpresa dopo il forfait dell’amico di una vita Roberto Maroni, ora in rotta con la linea sovranista di Salvini. Fontana insieme a Maroni ha fatto parte del primo nucleo che da Varese e dintorni ha accompagnato Bossi nella nascita della Lega quando ancora era Nord. A Varese è stato sindaco apprezzato  dal 2006 al 2016. Come presidente di Anci Lombardia ha fatto squadra con sindaci di tutti i colori. È stato sposato due volte e ha tre figli. Una volta girava in Porsche, ora in 500. P.R.

INTERVISTA A GIORGIO GORI: TRENORD CI VUOLE UNA GARA EUROPEA

INTERVISTA A DARIO VIOLI: PIù TPL MENO ASFALTO

INTERVISTA A ONORIO ROSATI: SOSTERREMO LA SCUOLA PUBBLICA

Articoli Correlati

Larghissime inteseper i Giochi lombardo-veneti

Da Fontana a Sala al M5S un coro di sì alla candidatura autonoma per le Olimpiadi invernali del 2026

Ipotesi all'Atm:il biglietto “breve”

Per bilanciare il prossimo rincaro, costerebbe meno di due euro e durerebbe meno di 90 minuti. Gratuità possibile per gli under 14

Raid vandalico a scuolaI bambini ripuliscono le aule

Scritte omofobe e svastiche nel centro che aiuta i ragazzi migranti