Fontana: «Trenord dovrà essere consolidata»

  • Milano

La Lombardia ha 350 mila pendolari: quali sono le sue proposte per migliorare la loro vita quotidiana?
Crediamo nel consolidamento e nella crescita di Trenord e vogliamo rafforzare la governance regionale: se necessario lo faremo acquisendo la maggioranza della società. Crediamo anche nei processi di integrazione del servizio (Atm-Trenord, Sea-Sacbo) e lavoreremo con il Comune per prolungare le linee metropolitane.
Inquinamento, quale la sua ricetta? Blocco dei diesel o no?
Sui diesel la Lombardia ha già sottoscritto nel 2017 un accordo di bacino padano in quanto il problema è sovraregionale: l’obiettivo è la graduale dismissione del parco circolante più inquinante insieme a incentivi alla rottomazione e all’ acquisto di mezzi elettrici. Poi vogliamo dare il buon esempio: sostituiremo il parco auto regionale con auto elettriche, con colonnine di ricarica nei parcheggi regionali.
Cosa pensa della riforma sanitaria sulla cronicità che tanto fa discutere?
La sanità lombarda è e resterà la migliore d’Italia e tra le migliori d’Europa. La riforma ha bisogno di tempo: una volta in vigore anche la parte sulle cronicità darà risultati positivi.
Per le giovani coppie e per gli studenti cosa propone?
La misura dei nidi gratis ha già aiutato migliaia di famiglie: andremo avanti. In più pensiamo a stanziare fondi per affitti calmierati o voucher, oltre a instaurare un dialogo operativo col sistema bancario per rendere più accessibili e vantaggiosi i mutui. Poi puntiamo sul modello dell’alternanza scuola-lavoro, un modo concreto per avviare i giovani verso l’indipendenza economica.
Quali sono le sue proposte su Aler?
Aler dovrà rispondere alle esigenze dei nostri cittadini e non solo di chi è sul territorio da pochi anni. Andremo avanti con manutenzioni e installazione di video sorveglianza.  Poi mi piacerebbe azzerare nei primi due anni di attività il canone per le associazioni di volontariato e per i giovani impegnati in start up nell’ambito del commercio, dell’artigianato o nuove imprese.
In Lombardia i richiedenti asilo sono circa 24 mila, come affrontare il problema?
La Lombardia con 1,1 milioni di stranieri già presenti e integrati è un modello. Ospitiamo il 26% di tutti gli stranieri italiani e purtroppo anche 100.000 clandestini. Non c’è più spazio per nuovi irregolari. Chi ha bisogno di protezione l’avrà, gli altri dovranno essere allontanati. Val la pena ricordare che questa emergenza è causata dall’incapacità di gestione da parte dei Governi Renzi-Letta-Gentiloni.
ANDREA SPARACIARI

Chi è Attilio Fontana
Avvocato varesino, 65 anni, Attilio Fontana fino al 16 gennaio 2018 era noto per essere il volto amichevole e garbato della Lega, poi gli è scappata quella difesa della razza bianca, di cui si è un po’ pentito ma non troppo, visto la popolarità che gli ha regalato nella corsa per il Pirellone come candidato del centro destra (Forza Italia, Lega, Fratelli d'Italia, Energie per La Lombardia – Parisi con Fontana) . Una corsa in salita partita a sorpresa dopo il forfait dell’amico di una vita Roberto Maroni, ora in rotta con la linea sovranista di Salvini. Fontana insieme a Maroni ha fatto parte del primo nucleo che da Varese e dintorni ha accompagnato Bossi nella nascita della Lega quando ancora era Nord. A Varese è stato sindaco apprezzato  dal 2006 al 2016. Come presidente di Anci Lombardia ha fatto squadra con sindaci di tutti i colori. È stato sposato due volte e ha tre figli. Una volta girava in Porsche, ora in 500. P.R.

INTERVISTA A GIORGIO GORI: TRENORD CI VUOLE UNA GARA EUROPEA

INTERVISTA A DARIO VIOLI: PIù TPL MENO ASFALTO

INTERVISTA A ONORIO ROSATI: SOSTERREMO LA SCUOLA PUBBLICA

Articoli Correlati

L'Oasi del clochard chiudeL'appello di Furlan dei City Angels

Esperimento unico in Europa sotto sfratto

Sala scrive ai milanesi«Aumento Atm per il futuro»

Dopo il muro contro muro Regione verso l’accordo tariffario

I nostalgici del Meazza già sul piede di guerra

Sala: «Ne discuterà il consiglio comunale»