Babilonia Teatri tra “Pedigree” e “Jesus”

  • Torino/Teatro

TORINO Un linguaggio estremo, pop, rock e punk, applicato a drammaturgie sferzanti che parlano delle contraddizioni dell’oggi portate in scena con un’attitudine ribelle. Una modernità e contemporaneità adottata da sempre dalla compagnia Babilonia Teatri che si ritroverà nei loro due spettacoli in programma, da stasera a domenica, al Teatro Gobetti per la Stagione 2017-2018 del Teatro Stabile di Torino – Teatro Nazionale. 

Ad inaugurare questo mini focus sulla compagnia sarà, da stasera al primo  marzo, “Pedigree” interpretato da Enrico Castellani e Luca Scotton e curato da Valeria Raimondi, seguito, da venerdì a domenica, da “Jesus” di Vincenzo Todesco, Valeria Raimondi ed Enrico Castellani, questi ultimi due anche gli unici interpreti sul palco.

Il primo è la storia di un giovane uomo, della sua famiglia con due madri, del padre donatore e dei suoi cinque fratelli sparsi per il mondo. 

Sul palco si racconteranno le difficoltà di una nuova generazione alle prese con genitori biologici e genitori di fatto, con nuove problematiche di identità e di coscienza e si porteranno alla ribalta diritti, desideri ed aspettative di una generazione in provetta. 

Il secondo spettacolo, “Jesus”, tratta invece del consumismo religioso. È un’ironica riflessione sull’esposizione mediatica di Gesù: affrescato, dipinto, tatuato, moltiplicato anche nella posta tra i dépliant, nella marca dei jeans e sulle copertine delle riviste (Info: teatrostabiletorino.it).

ANTONIO GARBISA

Articoli Correlati

Donnellan rende pulp il Vendicatore di Middleton

Da stasera a domenica alle Fonderie Limone di Moncalieri “La tragedia del vendicatore”

Concentrica, lo spettacolosi sposta per la città

Da oggi al 17 novembre la rassegna presenterà spettacoli dal vivo in diversi spazi di Torino

La classe operaia va in teatro

Il film di Petri e Pirro sbarca al Carignano con la regia di Guido Longhi e Lino Guanciale protagonista