Un polo per formare i cittadini smart del futuro

  • Milano

Aprirà entro il 2018 allo spazio Oberdan, il Meet, il primo centro italiano di cultura digitale, voluto da Maria Grazia Mattei e dal team di Meet the Media Guru che da anni organizza incontri con i guru mondiali dell’innovazione in tutti i campi. Grazie ai finanziamenti della Fondazione Cariplo, che si è aggiudicata l’Oberdan messo a bando dalla Città Metropolitana, (dove resterà comunque anche la Cineteca) il Meet ospiterà in una sede laboratori, masterclass, mostre, mettendosi in rete con altri 40 centri di eccellenza nel mondo, con una partnership speciale con Toronto.  Il punto è colmare il gap tra la rivoluzione tecnologica e le competenze in grado di gestirla dall’altra. «Il livello di competenze digitali in Europa è del 56% della popolazione - ha detto Lucilla Sioli, esperta presso la Commissione europea - poco, tenuto conto che da ora in  poi il 90% delle professioni, agricoltura compresa, richiede un qualche tipo di competenza digitale. E che il 40% delle aziende che cercano tecnici Ict non li trovano». L’Italia è al 25 esimo posto, su 28 per l’indice di performance digitale. La sfida è culturale: «Non ci possono essere smart city senza cittadini smart - dice Mattei - il digitale ormai è il Dna del nostro spazio sociale e dobbiamo essere preparati anche per esercitare un pensiero critico». Milano è pronta, ha detto il sindaco Beppe Sala, ricordando che la sperimentazione del 5G avverrà proprio sotto la Madonnina.
Le iniziative di Meet, da aprile,  su www.meetthemediaguru.org, in attesa della sede.
PAOLA RIZZI @paolarizzimanca

Articoli Correlati

Larghissime inteseper i Giochi lombardo-veneti

Da Fontana a Sala al M5S un coro di sì alla candidatura autonoma per le Olimpiadi invernali del 2026

Ipotesi all'Atm:il biglietto “breve”

Per bilanciare il prossimo rincaro, costerebbe meno di due euro e durerebbe meno di 90 minuti. Gratuità possibile per gli under 14

Raid vandalico a scuolaI bambini ripuliscono le aule

Scritte omofobe e svastiche nel centro che aiuta i ragazzi migranti