Una colazione da re per mantenersi in forma

  • ALIMENTAZIONE

ROMA Colazione da re, pasto da principe, cena da povero. Non è solo un detto popolare ma anche una verità, o meglio una raccomandazione dei nutrizionisti da seguire con attenzione. Sì perché se è importante cosa si mangia lo è altrettanto e anche di più il come e soprattutto il quando. E il pasto iniziale della giornata per l’appunto la prima colazione è il pilastro dell’alimentazione quotidiana. Un appuntamento fondamentale perché fornisce l’energia necessaria per affrontare tutti gli impegni del giorno fino a sera. Ed è utile a chi vuole mantenere sempre il giusto peso perché serve a  ridurre l'appetito. Quindi va ribadito che saltarla non incide positivamente sulla dieta ma al contrario aumenta il rischio di ingrassare. E inoltre secondo un rapporto, pubblicato sulla rivista americana Circulation, non farla abitualmente può incidere sull’aumento di problemi cardiaci con una percentuale superiore del 27% rispetto alla media, con un 18% di incidenza in più di ictus.
Secondo le raccomandazioni dei cardiologi statunitensi  dovrebbe includere il 25-30% del fabbisogno calorico giornaliero ed essere consumata non oltre le 10 del mattino. Perché sia davvero salutare occorre privilegiare proteine, cereali e carboidrati della frutta, senza dolci e snack zuccherati. E non dimenticare di bere  un bicchiere d’acqua appena ci si sveglia, per reidratare il corpo, attivare il metabolismo e regolare i processi digestivi. Man mano che ci si avvicina alla fine della giornata l’alimentazione va dosata. È consigliabile non cenare troppo tardi ed evitare spuntini notturni per non influire negativamente oltre che sul peso anche sulla salute cardiovascolare.

LUISA MOSELLO

Articoli Correlati

La fame nel mondoè in continuo aumento

Superato il tetto degli 821 milioni di persone coinvolte nel 2017. Anche in Italia c’è chi rischia

La guerra ai grassiaffossa il Parmigiano

L’Oms punta a chiedere ai paesi di frenare il consumo di certi cibi. Contraria la Coldiretti

Mangiamo, ma con la testaper un consumo consapevole

Obiettivo: vivere in salute e salvare il Pianeta. Si può? Sì, ecco come fare