Scontri e fermati per Casapound

  • TORINO

TORINO Lanci di bottiglie e bombe carta, cassonetti rovesciati e dati alle fiamme. Un cantiere assaltato per aggirare i blocchi. Alla fine almeno due persone fermate e alcuni agenti feriti. Il corteo degli antifascisti ha provato ad avvicinarsi all’hotel in cui ieri sera il leader di Casapound Simone Di Stefano ha presentato i candidati e il programma elettorale, ma è stato subito tenuto alla larga da un cordone della polizia e dagli idranti.

La manifestazione, a cui hanno partecipato giovani dei centri sociali guidati da Askatasuna e anche militanti di “Potere al popolo” e rappresentanti dei sindacati di base, è cominciata intorno alle 19  alla stazione di Porta Nuova. Il corteo ha percorso corso Vittorio Emanuele II ed è stato fermato vicino all’incrocio con Corso Vinzaglio dagli idranti. Dopo momenti di impasse c’è stato il lancio di qualche petardo e una bottiglia. Il corteo ha fatto dietro front per girare attorno all’isolato ed è arrivato nella via di fronte all’hotel. Sono state fatte esplodere bombe carta e la polizia ha reagito con getti di acqua per poi spostarsi su corso Inghilterra.

In mattinata la Digos aveva perquisito le abitazioni di alcuni militanti di Casapound e di Askatasuna, arrestando un attivista del centro sociale per possesso di spray urticanti.

ANDREA GIAMBARTOLOMEI

Articoli Correlati

No Tav, a Chiomonteestesa la zona rossa

Torino, estesa con un'ordinanza la zona rossa attorno al cantiere di Chiomonte, in Val di Susa

La Schellino vicesindaca Maggioranza ricomposta

Appendino parla di clima di condivisione. Il test lunedì

Pollicino via dal M5SLa “conta” decisiva

La maggioranza della Appendino perde un pezzo. Montanari vaticina una città «inchiodata». Il caso Motovelodromo