All'Esquilino scatta il Daspo urbano

  • ROMA ESQUILINO

ROMA Piazza Vittorio e l’Esquilino adotteranno il Daspo urbano, così come è già accaduto alla stazione Termini.

Il via libera al provvedimento è stato dato ieri al termine del Comitato provinciale per l’ordine pubblico e la sicurezza che si è tenuto in prefettura, alla presenza della sindaca Virginia Raggi e con la partecipazione dei vertici delle forze di polizia e dei vigili. In un comunicato il Campidoglio ha spiegato che, «nelle more dell’approvazione del Regolamento di Polizia urbana, saranno assunti specifici provvedimenti per dare immediata applicazione, all’interno dell’area dell’Esquilino, al cosiddetto Daspo urbano, misura prevista dal recente decreto sulla sicurezza urbana».

In sostanza chiunque sarà sorpreso a deturpare strade e piazze del rione, anche abusando di alcolici o droghe, esercitando il commercio abusivo o facendo accattonaggio molesto, sarà allontanato dal quartiere per 48 ore e dovrà pagare una multa da 300 a 900 euro. Per i recidivi l’allontanamento durerà fino a 12 mesi, e fino a 5 anni per chi verrà sorpreso di nuovo a spacciare. Chi commette reati, potrà essere arrestato anche 48 ore dopo, sulla base di immagini fotografiche o di telecamere di sorveglianza, come avviene già all’interno degli stadi.

Ma gli interventi per mettere in sicurezza l’Esquilino non finiscono qui: Oltre al lavoro quotidiano della sezione PICS (Pronto Intervento Centro Storico) della polizia municipale, saranno potenziati l’illuminazione pubblica, i servizi di manutenzione e di igiene urbana di piazza Vittorio, dei giardini Calipari e delle aree circostanti. Inoltre saranno sistemate apposite fioriere lungo i marciapiedi di via Principe Amedeo, per scoraggiare il fenomeno delle bancarelle selvagge.

PAOLO CHIRIATTI

Articoli Correlati

Esquilino, riscossatra alberi e ramazze

Nello scorso week end l’iniziativa di residenti e commercianti Oggi incontro con Sabrina Alfonsi sui problemi del rione