Lorenzo, 18 anni: così ho salvato il bimbo a Repubblica

  • Milano

Si chiama Lorenzo Pianazza, ha 18 anni una faccia da bravo ragazzo  ed è uno studente milanese il giovane che ieri pomeriggio insieme a Claudia Flora Castellano - dipendente Atm trentaduenne - ha salvato un bimbo di due anni caduto sui binari della metropolitana di Repubblica. Il piccolo Mohamed è sfuggito alla mamma, ha preso la rincorsa ed è letteralmente volato giù, cadendo di faccia sulle rotaie. In un battibaleno Lorenzo si è "tuffato" e ha portato il bambino in salvo. «Tornavo da Varese, dove frequento un istituto privato per prendere il diploma - racconta a MilanoToday -. Ero sceso dal treno ed ero andato sulla gialla per prendere la metro verso casa. All'inizio non avevo capito. Mi sono accorto della madre che andava verso i binari gesticolando e poi ho visto altre due o tre persone avvicinarsi. Mancava un minuto all'arrivo della metroallora mi sono detto: salto giù e lo prendo, tanto ce la faccio a risalire. O mal che vada cerco di correre fino alla fine dei binari sperando che la metro si fermi». Ma per fortuna Claudia, l'agente di stazione Atm, si è accorta dai monitor di quanto stava accadendo e ha tolto il segnale, bloccando di fatto il treno.

 Il sindaco Sala ieri ha incontrato Lorenzo e Claudia: «Essere sindaco di una grande città comporta attimi di grande gioia, che possono affiancarsi a momenti di dolore - ha scritto su Facebook - Quello che conta è attraversarli insieme, uniti in una grande comunità. Pochi minuti fa ho ricevuto a Palazzo Marino Lorenzo e Claudia, i due ragazzi che ieri hanno salvato il bambino caduto tra i binari nella metropolitana. Li ho ringraziati calorosamente, sicuro di parlare a nome di tutti i milanesi».

 

Articoli Correlati

A Milano un registro per i richiedenti asilo

Un modo per aggirare il decreto sicurezza che ha tolto l'iscrizione anagrafica

In 439 al concorso nessuno supera la prova

Resta vacante il posto di radiologo al Policlinico

Lombardi ad un passo dall'autonomia regionale

Sarà secessione dei ricchi? Per il leghista Corbetta no