Quei ricatti sessuali per il posto di lavoro

  • molestie

Roma Poco meno di una donna su due fra i 14 e i 65 anni nel corso della vita ha subito qualche forma di molestia sessuale. Si tratta di 8 milioni 816 mila donne, pari al 43,6%. Una su sei sul luogo di lavoro. Ma il fenomeno riguarda anche 3,7 milioni di uomini. Come rivela l’Istat nel rapporto “Le molestie e i ricatti sessuali sul lavoro” relativo agli anni 2015/16, inoltre, si stima che siano 3 milioni 118mila le donne (15,4%) che le hanno subite negli ultimi tre anni, periodo in cui è capitato anche a 1 milione 274 mila uomini. Gli autori delle molestie a sfondo sessuale risultano in larga prevalenza uomini. Considerando le tipologie rilevate anche nell’indagine del 2008-2009, il fenomeno che riguarda le molestie alle donne risulta in sensibile diminuzione: si è passati da 3,8 milioni  a 2,6. Sono invece più diffuse le molestie attraverso il web. In generale la forma di molestia più diffusa è quella verbale. Il 5% della popolazione tra 14 e 65 anni, pari a 2 milioni di persone, si stima abbia subito atti sessuali contro la propria volontà quando era minorenne. 
Nel corso della vita 1 milione 173mila donne ha subito ricatti sessuali sul luogo di lavoro per essere assunte, per mantenere l'impiego o per ottenere progressioni nella carriera. Al momento dell’assunzione ne sono state colpite più frequentemente le donne impiegate (37,6%) o le lavoratrici nel settore del commercio e dei servizi (30,4%).

Articoli Correlati

Molestie, attrici italianecontro "sistema di potere"

Lettera aperta di 124 celebrità del mondo dello spettacolo per una ribellione al sistema di molestie sulle donne

La Warner Bros Italiasospende Fausto Brizzi

Il regista escluso da collaborazioni future e dalla promozione del film di Natale in arrivo a dicembre