Cecchi porta Enrico IV al Teatro Carignano

  • Torino/Teatro

TORINO Carlo Cecchi si fa in tre, da stasera al 25 febbraio, al Teatro Carignano. Sarà regista, adattatore e protagonista di “Enrico IV” di Luigi Pirandello. Al suo fianco, fra gli altri, Angelica Ippolito, Gigio Morra, Roberto Trifirò, Dario Iubatti e Federico Brugnone.

In scena, la storia dell’uomo che, da vent’anni, veste i panni dell’imperatore Enrico IV prima per vera pazzia, poi come inganno per simulare una nuova vita, ed infine per sfuggire lucidamente alla realtà.

La sua figura e la sua vita sono emblemi del legame pirandelliano tra maschera e realtà. In questo “Enrico IV” c’è un tema poi che si lega anche ad un altro importante testo pirandelliano come “Sei personaggi in cerca d’autore”, con il quale condivide l’anno di debutto, il 1921.   Si tratta di un’idea di teatro che non è sempre e solo forma, opponendosi alla vita, ma che s’interseca e si sovrappone con la vita stessa. 

«Con Pirandello - confessa Carlo Cecchi - ho un rapporto doppio: lo considero, come tutti, il più grande autore italiano ma anche il più insopportabile. Pirandello è un punto focale, un nodo centrale nella tradizione del teatro italiano e va affrontato col rispetto che gli si deve» (Info: teatrostabiletorino.it).

ANTONIO GARBISA

Articoli Correlati

The Yalta Game firmato Brian Friel

All’Astra il testo del drammaturgo e scrittore irlandese, ispirato a Cechov e diretto da Stefano Moretti

Di scena il Platonov per il Mulino di Amleto

La commedia di Cechov rivive sul palco del Teatro Astra da stasera a domenica

Anagoor rilegge l'Orestea di Eschilo

Da stasera a domenica all’Astra “Orestea, Agamennone, Schiavi, Conversio”