Fca: il settore del lusso in calo

  • TORINO

TORINO La piena occupazione nelle fabbriche Fca, promessa dall’ad Sergio Marchionne nel 2016, sembra un miraggio. Sono concordi Fiom e Uilm, nel commentare le ultime decisioni del Lingotto per i lavoratori della “Carrozzerie” di Mirafiori: 3.526 di loro sui 3.659 totali avranno contratti di solidarietà e tra questi ci saranno anche gli addetti al suv “Levante” della Maserati. Fino a luglio l’orario di lavoro calerà del 59%.

Per il segretario provinciale Fiom Federico Bellono e il rappresentante nelle “Carrozzerie” Ugo Bolognesi, la decisione è una conseguenza degli stop di due settimane al mese alla linea del “Levante”: «Certo è che non solo la promessa della piena occupazione, entro il 2018, per gli stabilimenti italiani si è rivelata un’araba fenice, illusoria e anche un po’ beffarda - sostengono -, ma qualsiasi eventuale nuovo investimento difficilmente potrà partire entro settembre», dando la possibilità di avvicinarsi all’obiettivo. «Anche se siamo consapevoli che difficilmente la piena occupazione sarà raggiunta nel 2018 - dice Dario Basso, segretario della Uilm torinese -, siamo fiduciosi che le proposte fatte all’azienda per contenere il disagio occupazionale e salariale siano presto oggetto di approfondimento».

ANDREA GIAMBARTOLOMEI

Articoli Correlati

Piazza BaldisseraCaos senza fine

Una task force di esperti tenterà di risolvere gli ingorghi nel quadrante nord di Torino

Un vademecumcontro il sessismo

Violenza di genere, il piano di contrasto del Comune

Natale, strisce bluanche nei festivi

Il Comune: più bus navette gratis. Critica Confesercenti