Prima nazionale per “L’ammazzatore”

  • Torino/Teatro

TORINO Un uomo che non smette mai di andare avanti, perfino se ha di fronte il baratro. Ecco “L’ammazzatore” che debutta, in prima nazionale, da stasera a sabato, a Santa Cultura in Vincoli. Interpretato da Rosario Palazzolo, anche autore del testo, premio Associazione nazionale Critici Teatrali 2016 per la sua attività di drammaturgo, e da Salvatore Nocera, con cui Palazzolo è in sodalizio artistico già da diversi anni, diretti da Giuseppe Cutino, attore e regista nonché assistente di Emma Dante. 

Sul palco la storia di un uomo costretto a vivere una vita che non gli appartiene per scelte che non ha fatto e per idee che non condivide.

Si chiama Ernesto Scossa ed è nato in una Palermo che sembra non concedergli mai vie d’uscita. Si trova a dover uccidere per mestiere fino a quando la consapevolezza di una scelta non gli concederà un vago spiraglio di luce. Allora  farà ciò che c’è da fare, costi quel che costi.

La storia di Ernesto Scossa è quella  di un uomo minuscolo, capace di pensieri minuscoli, un uomo che si fa emblema dell’umanità tutta. 

Alla ribalta andrà  tutta un’umanità dei tempi di oggi, disorientata e meschina, delicata e derelitta, ironica e corrosiva. È un’umanità guidata da una lingua, divaricata e poetica, fatta di parole uscite come da un carillon piccolissimo e capace solo di pensieri mignon, ma che sottende gesti delicati. Un vivere che sembra quasi debba vergognarsi di esistere (Info: teatriindipendenti.org).

ANTONIO GARBISA

Articoli Correlati

Concentrica, lo spettacolosi sposta per la città

Da oggi al 17 novembre la rassegna presenterà spettacoli dal vivo in diversi spazi di Torino

La classe operaia va in teatro

Il film di Petri e Pirro sbarca al Carignano con la regia di Guido Longhi e Lino Guanciale protagonista

Il '68 della Demattèper la regia di Rifici

“Avevo un bel pallone rosso” sarà di scena da domani a domenica al Teatro Astra