Stretta sulle auto con targa estera

  • TORINO

TORINO L’ultima auto è stata fermata nel weekend, un Suv Bmw dal valore minimo di 21.000 euro circa. È stato comprato in Svizzera e il suo proprietario lo ha portato in Italia, dove risiede stabilmente. Avrebbe dovuto pagare i diritti doganali, ma non lo ha fatto e il fuoristrada è stato sequestrato dalla Guardia di finanza.

È l’ultimo caso di «furbetti» scoperti dai finanzieri di Torino: «Nell’ultimo anno abbiamo sequestrato quasi 25 auto di grosso valore con queste irregolarità e fatto sanzioni per 90.000 euro», ha spiegato il tenente Manuel Milia, comandante di sezione dei Baschi verdi. Molte di queste auto arrivano dalla Svizzera, dove i risparmi risultano maggiori. «Molti rispettano le procedure - prosegue il tenente -, tanti altri no». In questo modo risparmiano su dogane, bollo, assicurazione e rendere difficili le procedure per il recupero di sanzioni dovute ad infrazioni al codice della strada. Se, come nel weekend, l’auto è stata immatricolata in uno Stato extra-Ue e il proprietario vive stabilmente in Italia, il veicolo viene sequestrato. A quel punto il proprietario può fare ricorso o riscattarlo: «In tal caso deve pagare una somma pari al valore attuale dell’auto», aggiunge Milia. In caso contrario il bolide va all’asta o può essere assegnato alle forze dell’ordine.

ANDREA GIAMBARTOLOMEI

Articoli Correlati

Metro 2: nel 2030 porterà oltre 300 mila passeggeri

Presentato il percorso: da Orbassano a San Mauro, 26,5 km per 33 fermate. Costerà: 3 miliardi

Appendino "blinda" la sua assessora

"I disagi di piazza Baldissera ereditati dal passato", dice Appendino. Presto il progetto

Piazza BaldisseraCaos senza fine

Una task force di esperti tenterà di risolvere gli ingorghi nel quadrante nord di Torino