Pioltello, il Pm cerca testimoni

  • Milano/pioltello

TRASPORTI «Si invitano cortesemente tutti i passeggeri presenti sul treno 10452 al momento del sinistro ferroviario del 25 gennaio scorso a prendere contatti con la sezione di polizia giudiziaria della Procura della Repubblica di Milano al seguente indirizzo: maurizio.ghezzi@giustizia.it». È l’incipit dei manifesti fatti affiggere ieri in tutte le stazioni della linea Milano-Cremona dalla Procura. I pm hanno invitato chiunque fosse a bordo a presentarsi e a raccontare l’accaduto. Decine di persone hanno risposto già dal pomeriggio di ieri. Ogni informazione potrebbe essere utile alle indagini che mirano ad accertare le responsabilità dell’incidente nel quale  hanno perso la vita tre donne e 46 persone sono rimaste ferite. Al momento gli indagati per i reati di omicidio colposo, lesioni colpose e disastro colposo ferroviario, sono quattro: Gentile e Lebruto rispettivamente ad e direttore della produzione di Rfi e Farisè e Minoia, ad e direttore operativo di Trenord. Ieri  gli agenti della Polfer hanno perquisito le sedi di Trenord a Milano e di Rfi a Roma dove hanno sequestrato documenti e materiale informatico inerente alla manutenzione nello scalo ferroviario di Milano. Domani previste   le autopsie sulle vittime. Anche per oggi restano le deviazioni e le soppressioni sulla linea.  ANDREA SPARACIARI

 

Articoli Correlati
Milano/pioltello

Trenord, ecco le linee «rosse»

Cinque tratte che Fontana e Trenord hanno segnalato a Salvini. E intanto è polemica per il giunto rotto non denunciato da Rfi
Milano/pioltello

Rfi: un'indaginesul nuovo giunto difettoso

Per la società il tratto era già monitorato. La scoperta venerdì grazie a un macchinista in servizio sulla Carnate-Usmate e Arcore
Milano/pioltello

Durissime accuse a Trenordin un rapporto dell'Ansf

Segnalate carenze nella manutenzione pochi mesi prima del disastro di Pioltello. L'azienda: nessun legame. Le reazioni politiche