Ponti: «Solo le gare tolgono la politica dai trasporti»

  • Milano/pioltello

INTERVISTA  «Cercare oggi il colpevole del disastro di Pioltello è inutile, in molti s’inventano investigatori, ma così creano solo sfiducia nelle ferrovie. Che invece sono molto sicure, tra le più sicure del mondo». Parola del prof. Marco Ponti. Ma attenzione, sbaglierebbe  chi pensasse che Ponti è un difensore dell’attuale sistema dei trasporti, tutt’altro!
Professore, si spende poco in Italia per le ferrovie? 
Certamente no. Anzi, sono tra le più sovvenzionate del mondo. Pensi che i pendolari ferroviari sono solo il 5% di tutti i pendolari italiani , in compenso però Fs riceve ogni anno dallo Stato oltre 14 miliardi di euro. 
Ma se i soldi ci sono, come si spiega che non tutto funziona, secondo quanto raccontano gli utenti? 
Perché c’è commistione tra imprese ferroviarie e politica: la politica foraggia le società di trasporti, poi i politici piazzano i loro uomini nei cda oppure vengono cooptati loro stessi. 
Come si rompe il circolo? 
Facendo le gare come in Germania: le hanno fatte e hanno abbassato i costi e migliorato i risultati. Si deve fare paura alla politica e alle società monopolistiche. ANDREA SPARACIARI

Articoli Correlati
Milano/pioltello

Trenord, ecco le linee «rosse»

Cinque tratte che Fontana e Trenord hanno segnalato a Salvini. E intanto è polemica per il giunto rotto non denunciato da Rfi
Milano/pioltello

Rfi: un'indaginesul nuovo giunto difettoso

Per la società il tratto era già monitorato. La scoperta venerdì grazie a un macchinista in servizio sulla Carnate-Usmate e Arcore
Milano/pioltello

Durissime accuse a Trenordin un rapporto dell'Ansf

Segnalate carenze nella manutenzione pochi mesi prima del disastro di Pioltello. L'azienda: nessun legame. Le reazioni politiche