Commercio, a Torino cinque anni difficili

  • TORINO

TORINO Quasi 3.300 negozi hanno chiuso definitivamente negli ultimi cinque anni a Torino. Lo attestano la Camera di Commercio, Ascom-Confcommercio e Confesercenti. A soffrirne di più è stato il settore dell’abbigliamento (537 chiusi tra il 2012 e il 2017) e delle calzature (-142), ma sono andati male anche i mobilifici (-122) e le ferramenta (-131). Chiudono bottega molti minimercati di alimentari (eccetto quelli “specializzati”), mentre aumentano gli iper e supermercati insieme ai discount. Bene invece tabaccherie (80 le aperture), le farmacie (43) e i benzinai (38). Molto dinamico il settore della ristorazione. Al contrario i bar sono calati di 369 unità.

ANDREA GIAMBARTOLOMEI

Articoli Correlati

Piazza BaldisseraCaos senza fine

Una task force di esperti tenterà di risolvere gli ingorghi nel quadrante nord di Torino

Un vademecumcontro il sessismo

Violenza di genere, il piano di contrasto del Comune

Natale, strisce bluanche nei festivi

Il Comune: più bus navette gratis. Critica Confesercenti