Maxi-blitz a Ostia 32 arresti nel clan Spada

  • Roma

ROMA È cominciata oggi alle 4 del mattino la maxi operazione di carabinieri e polizia a Ostia, che ha portato all’arresto per mafia di 32  componenti del clan Spada, a cominciare da quel Roberto Spada, detenuto attualmente a Tolmezzo e rinviato a giudizio pochi giorni fa per l'aggressione compiuta il 7 novembre scorso al cronista Rai Daniele Piervincenzi. Associazione a delinquere di stampo mafioso le accuse formulate dai pubblici ministeri Mario Palazzi e Ilaria Calò.

II gip: «La mafia c’è»
A Ostia, quindi, c'è la mafia. Ne è convinta da tempo la Procura di Roma, lo hanno stabilito numerose sentenze anche se a volte con esiti contrastanti. Ma le indagini delle forze dell'ordine degli ultimi tempi sembrano effettivamente confermare che quel tratto di litorale alle porte della Capitale è ormai in mano a famiglie che si spartiscono il territorio controllando ogni attività economica, gestendo gli appalti, vessando e costringendo al silenzio i cittadini onesti, e infiltrandosi nella pubblica amministrazione locale. I 32 arresti vanno di fatto ad azzerare i componenti del clan Spada. Nel corso dell'operazione sono stati sequestrati oltre duecentomila euro. Ordinato il sequestro preventivo di numerose autovetture e di diverse società e ditte individuali, tutte riconducibili al clan degli Spada. Secondo il gip Simonetta D'Alessandro, che ha firmato l'ordinanza per i 32 arresti, si tratta di «un’ associazione a delinquere di stampo mafioso, che ha provocato un profondo degrado sul territorio, consentendo il dilagare di reati gravissimi e lesivi di beni primari».

METRO

Articoli Correlati

Cane cade nel pozzosalvato dai pompieri

Il cane da caccia era precipitato in un pozzo romano di almeno 15 metri

Insetti nella farinachiuso un forno a Navona

Carenze igienico sanitarie hanno portato alla chiusura di un forno

Sassi dal campo romper rapinare automobilisti

I quattro responsabili residenti presso il campo nomadi di Castel Romano