Deragliamento Trenord 3 morti e 46 feriti

  • Milano/pioltello

PIOLTELLO Sono tre le vittime accertate dalla Prefettura – tutte donne –, 46 i feriti,  – 5 in codice rosso, 8 in codice giallo e 33 in codice verde, uno di loro ha perso una gamba – per l’incidente ferroviario avvenuto questa mattina a Seggiano di Pioltello. A deragliare, il Cremona-Milano Porta Garibaldi 10452. Sul posto sono intervenuti decine di ambulanze, elicotteri, vigili del fuoco da tutta la Lombardia e dall’Emilia Romagna. Tutti gli ospedali della provincia stanno ricevendo i feriti, alcuni hanno sospeso le normali attività programmate per oggi per far fronte ai soccorsi urgenti. Molti i passeggeri rimasti intrappolati nelle lamiere e liberati dopo ore dai vigili del fuoco.

A provocare il deragliamento del treno Cremona-Milano è stato il cedimento strutturale di una rotaia. Lo ha detto il direttore territoriale della Rete Ferroviaria italiana, Vincenzo Macello, sul luogo dell'incidente. La rottura della rotaia si è verificato 2,3 km prima della stazione di Pioltello. Il treno - secondo una prima ricostruzione  - ha percorso con alcune ruote fuori dalle rotaie circa due chilometri prima che una delle tre vetture impattasse un palo della trazione elettrica e si accartocciasse. A quel punto il treno si è scomposto.

La procura ha aperto un'inchiesta per disastro ferroviario colposo e i magistrati titolari del fascicolo hanno già ascoltato il macchinista. Oggi pomeriggio vertice in Prefettura con il Ministro dei Trasporti Del Rio. 

ANDREA SPARACIARI 

Articoli Correlati
Milano/pioltello

Durissime accuse a Trenordin un rapporto dell'Ansf

Segnalate carenze nella manutenzione pochi mesi prima del disastro di Pioltello. L'azienda: nessun legame. Le reazioni politiche
Milano/pioltello

Passante, tornano i treniAncora una settimana difficile

Pioltello, ci vorrà qualche giorno prima che i treni del treno della tragedia giungano al deposito. Parte della linea sotto sequestro. Disagi fino a venerdì 16
Milano/pioltello

Treni di Pioltelloiniziata la rimozione

Il legale di Rfi, Ennio Amodio: «Non solo il giunto. I freni erano usurati? Le ruote ovalizzate?»