Paolo Hendel si proietta nel futuro

  • Milano/Teatro

MILANO Paolo Hendel torna in teatro, sua prima vocazione artistica, là dove, agli inizi della sua carriera, parlava con la propria immagine sdoppiata dentro a un televisore. Lo farà in prima milanese, da stasera al 28 gennaio, al Teatro della Cooperativa con il suo nuovo “Fuga da via Pigafetta”, scritto assieme a Marco Vicari e a Gioele Dix che è anche regista dello spettacolo.

Affiancato sul palco da Matilde Pietrangelo, l’attore fiorentino porterà il pubblico in un’immaginaria Italia del futuro, quella del 2080, in cui un uomo vive da solo in un appartamento gestito totalmente da un sofisticato sistema operativo che pianifica la sua esistenza e lo protegge dal mondo circostante.

L’unica intrusione in questo suo universo altamente tecnologico sarà l’arrivo di sua figlia che gli scatenerà un’imprevista altalena emotiva così forte da fargli ribaltare totalmente le priorità della sua esistenza.

Restando “in famiglia”, madre e figlia nella vita,  Maria Teresa Ruta e Guenda Goria, saranno invece le protagoniste di “Sinceramente bugiardi”, la commedia di Alan Ayckbourn, che, da stasera al 28 gennaio al Teatro Leonardo, con la regia di Pietro De Pascalis, divertiranno, in pieno spirito britannico e con ironico fair-play, raccontando le vicende parallele di due coppie sposate. 
Nel cast ci sono anche Gaetano Callegaro e Francesco Errico (Info: mtmteatro.it).

ANTONIO GARBISA

Articoli Correlati

“L’esorcista” debutta al Teatro Nuovo

Da domani il cult dell’horror di scena nella versione teatrale di John Pielmeier

Riondino diventa Woland nel capolavoro di Bulgakov

Da stasera al allo Strehler di scena “Il Maestro e Margherita” su adattamento della Russo e regia di Baracco

Al Carcano Elio riscopre “Il grigio”

In prima nazionale da stasera lo spettacolo di Gaber interpretato dal leader degli Elii