Terrore in classe maestra nei guai

  • VAL SUSA

TORINO È finita ai domiciliari la maestra di una scuola materna statale di Susa, M.C. di 59 anni, accusata di maltrattamenti nei confronti dei suoi alunni. È stata arrestata dai carabinieri al termine di un’inchiesta nata dalla denuncia di una collaboratrice scolastica.

I militari hanno raccolto indizi convergenti sulle sue responsabilità e così il sostituto procuratore Mario Bendoni ha chiesto e ottenuto dal tribunale un’ordinanza di custodia cautelare. Tra ottobre e dicembre i carabinieri hanno accertato che l’insegnante ha offeso, strattonato e colpito alcuni bambini. L’operatrice scolastica autrice della denuncia segnalava «un atteggiamento poco equilibrato».

Per il pm la maestra aveva instaurato un clima di «intimidazione, sottomissione e terrore» tra i bambini della scuola materna. La donna li sgridava in un modo ritenuto ingiustificato ed eccessivo: «Guardami negli occhi, non fare la scema. Smettila di frignare», diceva a una giovane allieva in lacrime. Spesso i piccoli, spaventati da lei, si coprivano le orecchie e il viso durante i suoi rimproveri. In alcune occasioni, inoltre, la maestra ha anche tirato contro di loro dei raccoglitori di schede, per fortuna senza ferirli. «Non dire nulla significava essere complici», ha detto al pm chi l’ha denunciata.

ANDREA GIAMBARTOLOMEI

Articoli Correlati

Frana a Bussoleno«Era prevedibile»

La rabbia dei cittadini. Gli smottamenti da settimane

Il Tgv bloccatoda una sassaiola

La procura procede per pericolo di disastro ferroviario a seguito di danneggiamento. Da Tgv rimborso doppio

Ipotesi sabotaggiosul Tgv bloccato

Il pm Rinaudo ha aperto un fascicolo per chiarire cosa abbia innescato il blocco del pantografo