Fontana difende la razza bianca

  • Milano

MILANO Sarà stato pure un “qui pro quo”, come si è affrettato ieri a correggere, ma le prime 24 ore del candidato del centro destra al Pirellone Attilio Fontana sono state incandescenti, dopo le sue dichiarazioni lunedì mattina a Radio Padania. Testualmente: «Noi non possiamo accettare tutti  gli immigrati...perché tutti non ci stiamo. Quindi, dobbiamo fare delle scelte: decidere se la nostra etnia, la nostra razza bianca, la nostra società deve continuare a esistere o la nostra società deve essere cancellata».
 In pochi minuti va così in fumo l’immagine del leghista moderato costruita in tanti anni dall’ex sindaco di Varese. Al punto che persino per  Salvini è troppo: «Il colore della pelle non c'entra», il pericolo è «l'islamizzazione finora sottovalutata». Ormai però la frittata è fatta. Da Forza Italia è tutto un ribadire che la frase infelice non cambia il profilo moderato del candidato.
L’exploit del leghista trova concordi nella condanna  M5s (Di Maio: «Se lui è un moderato io sono Gandhi») e Pd (Renzi: «Farneticante»). Anche se il deputato Pd Emanuele Fiano coglie l’occasione per una stoccata a Leu che avendo detto no alla candidatura di Gori divide la sinistra e così agevola la vittoria di chi parla di razza. Lo stesso  sindaco di Bergamo Giorgio Gori, in gara per il centrosinistra, chiosa: «C'è chi parla di forconi e razza bianca. Noi parliamo di formazione, lavoro, crescita, Europa».

PAOLA RIZZI @paolarizizmanca

Articoli Correlati

Tifoso ucciso, verticea Natale per gli scontri

Arrestato Ciccarelli ultrà leader dei Viking

«Maltrattato dal padrone»il pitbull mordace

Aggredì tre persone, ma la prima vittima sarebbe lui

Fnm è privata, cambiail reato per Achille

Ridotta la pena per l'ex presidente e le sue spese pazze