Trenord: 30 nuovi treni e linee affidate a Trenitalia

  • MILANO/TRENORD

TRASPORTI Trenta nuovi convogli Hitachi in arrivo  e alcune linee regionali «affidate temporaneamente a Fs». Sono alcune delle soluzioni adottate dal Pirellone per far fronte alla debacle di Trenord. A presentare il piano, ieri, il presidente Fontana con l’assessore Terzi e il presidente di Fnm, Gibelli. Secondo il contratto, la Lombardia si è impegnata ad acquistare nei prossimi 8 anni 50 treni ad alta capacità (30 a 4 carrozze e 20 a 5 carrozze) che potranno salire fino a 120. Il Pirellone ha sottoscritto l’ordine per i primi 30 (per una spesa di 237,5 milioni), i quali inizieranno ad arrivare tra 20 mesi e saranno destinati alle linee ad alta frequentazione. L’accordo ringiovanirà la flotta, ma non prima di due anni, mentre le deludenti prestazioni di Trenord sono cosa quotidiana. Per questo Fontana sta «discutendo in modo costruttivo» con Fs, per «cercare soluzioni per far fronte all’emergenza». Tra le soluzioni ipotizzate, quella di «affidare temporaneamente la gestione di alcune linee regionali a Trenitalia». Un’opzione che scatterà qualora Fs, oggi impegnata in una «ricognizione interna sui propri materiali per capire quanti treni aggiuntivi impiegare in Lombardia», ha spiegato Gibelli, non riuscisse a mettere a disposizione ulteriori materiali, oltre  ai 9 treni promessi (quando la Regione ne chiedeva 20). Andrea Sparaciari

Farise: è scontro sulla buonuscita
trasporti
Marco Piuri, l’ad di Trenord  designato da Fnm e gradito da Trenitalia entrerà in carica dopo che si riunirà il consiglio di Fnm «a metà mese», parola del presidente Fnm, Gibelli. A bloccare la nomina, la vertenza legata alla buonuscita dell’ex ad Cinzia Farisè: per la Regione dovrebbe ricevere 500 mila euro, mentre Farisé preme per una cifra tripla. A Farisè sarà applicato un trattamento «in linea con il codice civile nel rispetto della norma contrattuale», ha chiarito Gibelli, il quale ha escluso ogni eventuale extra. a.s.

 

 

Articoli Correlati

«Più sicurezza a bordo treno»

La invoca l'assessore De Corato il quale però non «condanna» le ronde di FN sulla Milano_Bergamo. Oggi il nuovo piano Trenord

Franzoso entra nel cda di Trenord

il whistleblower che denunciando le ruberie fece cadere i vertici di Fnm, sarebbe stato nominato da Fs