Pallotta adora il calcio ma Strootman finisce sul mercato

  • Calcio

CALCIO Pensa allo stadio («al nuovo Colosseo»), James Pallotta. E sogna, ovviamente. Poi, di contorno, c’è anche il mercato. Perché da una squadra vincente non si può prescindere. Ieri, a Londra in occasione del “Leaders Sport Business Summit”, il n°1 ha confessato che «Fino a cinque anni fa pensavo che il calcio fosse orribile. Ora sono fuori di testa». Potere dei soldi, verrebbe da precisare/obiettare. Dopo di che, amici come prima perché “business is business”: «Ci sono tre miliardi di tifosi nel mondo e io vorrei che l’1% avesse la Roma come secondo team preferito. Significherebbe avere 30 milioni di fan». Servono anche i giocatori, comunque. Ma il mantra è : prima vendere e poi comprare. Tra i cedibili (a sorpresa), anche Kevin Strootman (piace a Liverpool e Marsiglia) e Stephan El Shaarawy, troppo alterno per l’ennesima volta in carriera.

DOMENICO LATAGLIATA

Articoli Correlati

Torna l'Oratorio CupOltre il calcio, un progetto educativo

Sabato e domenica, presso il centro sportivo Torraccia, in via Francesco Paolo Bonifacio, si svolgeranno a Roma le fasi finali della "Oratorio Cup" 2017-2018

Sollievo per GagliardiniStarà ai box solo un mese

L'Inter è attesa domenica da una trasferta durissima contro il Chievo. Il centrocampista, che si temeva out fino ad agosto, starà fuori solo poche settimane

Milan, riecco BrignoliRossoneri condannati a vincere

A San Siro sbarca il Benevento, con il portierino che all'andata segnò di testa il gol del pari. Ma stavolta, per garantirsi l'Europa, Gattuso vuole i tre punti