Colapesce, esperimenti in chiave pop

  • Lorenzo Urciullo/Colapesce/Elena Fortunati

MILANO L’hanno definito, fra il serio e il faceto, “una specie di David Byrne siciliano” per quel suo stile contaminato e intrigante. Scomodi paragoni a parte, Colapesce è fra i più interessanti e originali cantautori nostrani, apprezzato anche all’estero, come testimoniano le ottime recensione di The Guardian, NME e Le Monde. Lorenzo Urciullo (questo il suo vero nome) parte domani dal Santeria Social Club (ore 21, sold out) col nuovo tour, incentrato sull’ultimo album Infedele, sorta di atto d'amore verso la musica più libera e fuori dai vincoli di stili e generi. Non a caso il disco, da cui è tratto il video-singolo “Sospesi” (con l’attrice Valentina Lodovini), spazia dalla canzone d’autore italiana al fado portoghese, dall’elettronica da club al tropicalismo brasiliano, il free jazz, le colonne sonore di Umiliani e le ballate. Di tutto un po’, insomma, con un approccio complesso e accessibile al tempo stesso, pop e sperimentale.

Stasera al Legend il cantautore Jack Anselmi presenterà i brani del nuovo album Via Emilia, che affronta temi come i rapporti umani, il sociale, la vita quotidiana e le esperienze a cavallo tra Milano e l’Emilia Romagna.

Per i tanti orfani del Duca Bianco, stasera all’Alcatraz, si terrà una David Bowie Night col concerto-spettacolo di Andy and the White Dukes, formazione guidata da Andy Fluon, co-fondatore dei Bluvertigo, fra cambi d’abito, ballerini, coreografie e classici come Station To Station, Space Oddity, Heroes, Let’s Dance e Life On Mars. A seguire, dj-set.