Comunicato sindacale

  • Comunicato sindacale

Cari lettori, si chiude il primo anno di pesanti ammortizzatori sociali (50% di cassa integrazione), un anno senza novità per quanto riguarda il piano di rilancio del quotidiano Metro, mai pervenuto da parte dell'editore Nme. Al contrario di quello che sta accadendo al marchio Metro, venduto e utilizzato da altri editori del gruppo per moltiplicare e promuovere prodotti  editoriali a getto continuo da Napoli a Brescia, a Riccione. Mentre Metro quotidiano viene rimpiccolito e svuotato, MetroWeek, MetroDiario, Metrostadio, utilizzando lo stesso identico logo e quindi la reputazione conquistata in 17 anni di lavoro giornalistico, fanno i profitti di un' altra società del gruppo. Una forma di concorrenza “interna" che per Metro finora ha significato la permanenza in uno stato di crisi perenne. E venerdì 22, ultimo giorno di uscita prima del Natale, il quotidiano non uscirà, per lasciare spazio ad altre iniziative “speciali” fatte da altri e a vantaggio di altri, ma col nostro marchio. Il 2018 sarà un anno decisivo e ci auguriamo che la crisi finisca per tutti i prodotti a marchio Metro e non solo per alcuni, obiettivo per il quale la redazione continuerà a impegnarsi con determinazione.  

L'assemblea dei giornalisti di Metro

Articoli Correlati
Comunicato sindacale

Comunicatosindacale

I redattori e il Cdr di Metro
Comunicato sindacale
Comunicato sindacale
Comunicato sindacale

Comunicatosindacale

Comunicato sindacale