Ztl a pagamento Firme per dire no

  • TORINO

TORINO La decisione non è definitiva, ma i rappresentanti di commercianti ed esercenti, con la Lega Nord, affilano già le armi. Fabrizio Ricca, consigliere comunale del Carroccio, annuncia una raccolta di firme e un referendum contro il pedaggio per entrare nella zona a traffico limitata del centro città.

«La nuova Ztl estesa negli orari e con ingresso a pagamento non migliorerà né la condizione del traffico cittadino né aiuterà il commercio - ha detto ieri Ricca-. Al contrario si tratta di una delibera che mette in difficoltà i commercianti del centro già piegati dall’apertura di 17 nuovi centri commerciali e dai frequenti blocchi del traffico, e che svuota il centro di macchine per convogliare il traffico altrove».

Per questo la Lega avvierà la raccolta di 20 mila firme e conta sull’aiuto di Ascom e Confesercenti, che già nel weekend si sono detti contrari. Il Comune ha studiato la nuova strategia per mesi insieme ai tecnici di Gtt, 5T e Csi analizzando i dati dell’attuale Ztl, gli incassi delle strisce blu e dei parcheggi sotterranei. È emerso che nei giorni feriali, tra le 7:30 e le 19:30, quasi 75 mila veicoli passano per il centro e quasi 31.500 di questi lo attraversano senza sostare, aumentando il caos e l’inquinamento dell’area. Dopo le discussioni con residenti, associazioni e commercianti bisognerà decidere costi e orari.

ANDREA GIAMBARTOLOMEI

Articoli Correlati

Piazza BaldisseraCaos senza fine

Una task force di esperti tenterà di risolvere gli ingorghi nel quadrante nord di Torino

Un vademecumcontro il sessismo

Violenza di genere, il piano di contrasto del Comune

Natale, strisce bluanche nei festivi

Il Comune: più bus navette gratis. Critica Confesercenti