Lo spumante festeggia: +11% nell'export, è record

  • made in italy

Lo spumante italiano conquista le tavole nel mondo dove per Natale e Capodanno 2017 ci sarà il record storico di brindisi Made in Italy grazie a un balzo dell'11% nelle bottiglie spedite all'estero. Lo dice una analisi Coldiretti dalla quale si evidenzia che a fine anno per il 2017 sarà raggiunto per la prima volta il record storico dell'esportazioni all'estero per un valore superiore a 1,3 miliardi, sulla base delle spedizioni registrate dall'Istat nei primi otto mesi. 

Made in Italy. "Non sono mai state richieste cosi tante bollicine italiane che in quantità dominano nettamente nei brindisi sul mercato mondiale davanti allo champagne- sottolinea Coldiretti - Fuori dai confini nazionali - continua la Coldiretti - i consumatori più appassionati sono gli inglesi che non sembrano essere stati scoraggiati dalla Brexit e sono nel 2017 il primo mercato mondiale di sbocco delle spumante italiano con le bottiglie esportate che fanno registrare un aumento del 13% di gran lunga davanti agli Stati Uniti dove comunque si rileva un +16%, mentre in posizione più defilata sul podio si trova la Germania dove si registra una crescita del 14% delle bottiglie vendute".

La classifica. Nella classifica delle bollicine italiane preferite nel mondo ci sono tra gli altri il Prosecco, l'Asti il Franciacorta che ormai sfidano alla pari il prestigioso Champagne francese. A pesare è il fatto che con il successo crescono le imitazioni in tutti i continenti a partire dall'Europa dove sono in vendita bottiglie di Kressecco e di Meer-Secco prodotte in Germania che richiamano palesemente al nostrano Prosecco che viene venduto addirittura sfuso alla spina nei pub inglesi.

Articoli Correlati

Guerra ai grassi,Parmigiano in difesa

Dopo il documento dell'Onu sui cibi ricchi di sale e grassi

Carbonara Day, il segretosono ingredienti giusti e buoni

#CarbonaraDay, ecco le bizzarrie che vengono dall'estero

La pizza napoletanaè patrimonio dell'umanità

La decisione Unesco sull'inserimento nella Lista dei beni culturali immateriali