Milan in casa del Rijeka per leccarsi le ferite

  • Europa League

CALCIO  Vincere per ritrovare il sorriso e guardare con maggior fiducia ai prossimi impegni in campionato: è l’obiettivo del Milan di Rino Gattuso in vista della partita di Europa League in casa dei croati del Rijeka. Con la qualificazione e il primo posto nel girone già in ghiaccio, per i rossoneri la partita in terra croata sarà l’occasione per rodare i nuovi automatismi sotto la guida dell’allenatore che ha preso il posto di Vincenzo Montella. La beffa di Benevento brucia ancora, ma qualche occasione migliore di una vittoria per curare le ferite?
 «Questa è una partita importante per noi, non tanto per quanto riguarda la classifica, ma sotto l’aspetto psicologico. Abbiamo bisogno di un risultato importante», ha confermato Gattuso. «Sto lavorando con i ragazzi da soli otto giorni e non si può migliorare la condizione in così poco tempo. Non è una scusa, ma dobbiamo andare avanti passo dopo passo», ha aggiunto. «I ragazzi stanno dando tutto, mi stanno dimostrando grande disponibilità. Sicuramente stiamo facendo carichi di lavoro importanti e dobbiamo stare attenti perchè si rischia di perdere qualcuno per strada. Stiamo ragionando sulle cose da migliorare, sappiamo che dobbiamo migliorare, ma non possiamo rischiare di perdere i giocatori», ha spiegato Gattuso.

Gattuso ha parlato quindi dei singoli, dando delle indicazioni sulla formazione. «Paletta rappresenta il vero giocatore del Milan, che si allena con intensità e desiderio. Domani giocherà dall’inizio. L'ho visto bene, si allena bene ed è giusto dargli qualche minuto», ha detto il tecnico rossonero. «Biglia deve migliorare, non è ancora al 100%. Domani giocherà, così come Locatelli. Non stiamo molto bene sul piano fisico, ma non ci sono scusanti. Sappiamo che dobbiamo migliorare», ha concluso. «Mi aspetto di vedere i giocatori con voglia. L’età media di questa squadra è di 21 anni, ma voglio vedere un grande senso di appartenenza. Non possiamo dare l’impressione di aver paura di vincere», ha dichiarato ancora Gattuso. «Il Rijeka è tecnicamente forte, a loro piace mantenere il possesso della palla, anche in difesa. Ho visto una squadra ben organizzata», ha concluso Gattuso.

Per quanto riguarda la formazione, quindi, Gattuso dovrebbe optare per un 3-5-2 con Storari fra i pali; Zapata, Paletta e Romagnoli in difesa con Bonucci tenuto a riposo. Sulle fasce si rivedrà Calabria a destra, con Antonelli a sinistra. In mezzo Locatelli, il baby Zanellato e Biglia. In avanti confermata la coppia dei bomber di coppa Andre Silva-Cutrone.

LA PRESSE

Articoli Correlati

Milan-Austria Vienna 5-1Vittoria large, l'Europa aiuta

Il Milan travolge 5-1 in casa l’Austria Vienna e si qualifica per i sedicesimi di finale di Europa League con un turno d’anticipo

Lazio-Vitesse 1-1Nani si fa male

La Lazio -già sicura del primo posto e della qualificazione- mantiene l’imbattibilità in Europa League. Brutte notizie solo per il portoghese

Lazio-Vitesseper dimenticare il derby

Il tecnico biancoceleste chiede un pronto riscatto dopo la delusione nella stracittadina. La Lazio è già qualificata